Pizza a teglia con verdure grigliate e feta (con lievito madre e prefermento)

 

pizzategliamtc2

Eccoci finalmente alla tanta attesa sfida da parte del mtc: quella della Pizza! A dire il vero, me l’aspettavo il mese scorso, con la vittoria della coppia di napoletani, invece eccola proposta da antonietta, la vincitrice di questo mese, napoletana anche lei. Ogni volta che ho avuto il piacere di replicare una sua ricetta, o per scelta o per caso,( il babà e la focaccia) si trattava sempre di un lievitato, quindi appena ho visto la proposta della pizza, sapevo che si trattava di una ricetta che mi avrebbe dato soddisfazioni. Dopo la mia passione per i dolci, in cucina c’è la passione per i lievitati, specialmente dopo la scoperta del lievito madre. Di impasti per la pizza ne ho provato tanti, con idratazioni diverse, e alcune volte il risultato non è stato sempre quello desiderato al primo tentativo. Anche io come Antonietta, non ho mai fatto corsi, ho imparato quello che so da ricerche sul web, dalla scuola virtuale che è l’mtc, dai programmi televisivi e dalle mille prove fatte.
Continue reading “Pizza a teglia con verdure grigliate e feta (con lievito madre e prefermento)”

Treccia Integrale con Nocciole e Cioccolato Fondente

treccia integrale ciocc e nociIniziamo la settimana con un carico di energia!  Qui il tempo  è stato incerto: nuvoloni grigi, vento e pioggia ci hanno accompagnati per tutto il fine settimana.  Con questo tempo non rimane altro che impastare ed accendere il forno, “anche se la porva costume dovrebbe essere dietro l’angolo”! Si, proprio la prova costume…la dieta…lo sport… cose che dovrei fare per rimettermi in forma. Anche se ci sono giorni che proprio non riesco a rispettare queste “regole” e cado in tentazione, Continue reading “Treccia Integrale con Nocciole e Cioccolato Fondente”

Croissant con farina di Kamut, Lievito Madre e Olio Extravergine D’Oliva

 

Questo è il mese del burro…. “viva il colesterolo”!! Dopo i Cruffin, arrivano anche i croissant, questa volta per l’MTC.
Non che io, non l’abbia mai fatti, anzi d’inverno li preparo spesso per la colazione dei weekend. Fin’ora mi ero trovata molto bene sia con la ricetta di Paoletta, sia con quella di Montersino,
ma se all’mtc propongono ” Le Croissant” non posso tirarmi indietro e
provare un nuova ricetta, ricca di video e consigli da seguire.
Devo
dire la verita’, non sono riusciti bene al primo tentativo, ma la colpa
è stata del caldo che ancora batte forte sulla Sicilia. Non mi sono
arresa ed ho riprovato e questa volta ottenendo un risultato
soddisfacente.

Croissant con Farina di Kamut, Lievito Madre e Olio Extravergine D’Oliva
per circa 12 croissant;
200g di farina 00 W350 (Garofalo)
200g di farina di Kamut Bio
220ml di latte intero fresco
150g di lievito madre rinfrescato
50ml di olio d’oliva
30g di zucchero
10g di sale
200g di burro bavarese per la sfogliatura
In una ciotola sciogliete il lievito madre rinfrescato con il latte. Unite lo zucchero ed il sale ed amalgamate tutto.
Setacciate la farina e iniziate ad amalgamare gli ingredienti liquidi
con quelli secchi fino, unite anche l’olio e lavorate fino  ad ottenere
un impasto grezzo. Formate un quadrato, coprite con della pellicola
alimentare e fate riposare il panetto in frigo per circa 6 ore.
Poco prima di tirare fuori l’impasto preparate il panetto di burro
schiacciandolo tra due fogli di carta forno, e rimettete il panetto di burro nel frigo mentre iniziate a lavorare l’impasto.
Stendete l’impasto a circa 6 mm di spessore facendo in modo che sia
largo poco più del panetto di burro e alto due volte l’altezza dello
stesso. Prendete il burro e posizionatelo sul rettangolo d’impasto, deve ricoprire i 2/3 inferiori dell’impasto. Piegate sul burro la parte superiore
dell’impasto e poi sovrapponete su questa la parte di impasto coperta dal
burro.  Procedete con una piega a tre.
       Coprite il panetto con della pellicola alimetare e e fate riposare in frigorifero per circa mezz’ora.

Stendete il rettangolo, avendo cura che la piega sia alla vostra destra,
tirandolo ad una lunghezza corrispondente a tre volte il lato corto e
fate un’ altra piega a tre.  Coprite nuovamente e ponete in frigo per un’altra mezz’ora.
Ripetete la piega a tre e il riposo in frigo. Finito l’ultimo riposo,
dividete l’impasto in due e stendete le due porzioni ad
una dimensione di 26 x 34 cm e uno spessore di circa 3-4 mm ciascuna.
Con un coltello affilato tagliate dei triangolo con base di circa 11cm, adagiate su un vassoio e fate riposare i riangoli in frigo per circa 20 minuti.

Finito anche questo riposo, tirate leggermente la punta dei triangoli,
praticate
una piccola incisione in mezzo alla  base e arrotolate con
delicatezza i lembi senza premere né stringere troppo l’impasto.
Disponete i croissant su una teglia rivestita da carta forno e fate
lievitare a temperatura ambiente, ( i miei sono stati circa due ore, ma a
casa avevo circa 29°). Prescaldate il forno a 220°C, spennellate i
croissant con uovo sbattuto e cuocete per 10 minuti,  dopodiché
abbassate la temperatura a 200°C e cuocete per altri 10 minuti o finché
risultano ben
dorati.
Fate raffreddare su una gratella.
Con questa ricetta partecipo a Mtc.n.50
A Presto

Terry

VegBurger con Chips di Carote

 

Sicuramente non potevo fermarmi ad un burger solo per l’MTC e deludere la Mazzetta! Il regolamento dice che massimo se ne potevano fare tre, quindi perchè perdere quest’occassione?
Il secondo burger a base di verdure, me lo sono gustato con la nonna, durante un nostro pranzo insieme.
A lei è piaciuto tantissimo e non si fermava di intingere ogni boccone nella maionese!

VegBurger con Chips di Carote e Maionese aromatizzata alla Paprika Affumicata.

Per i panini; 4 con lievito madre;

150g di farina integrale
100g di farina manitoba
80g di lievito madre rinfrescato
150ml di latte
25g di burro
15g di zucchero
5g di sale

Per lucidare i panini;
1 uovo
1 cucchiaio di latte
semi vari a scelta


Versate il latte a temperatura ambiente lo zucchero e il lievito madre
nella planetaria e fate sciogliere a bassa veolictà con il gancio a K.
Setacciate le farine, versatele dentro la planetaria, cambiate con il
gancio ad uncino ed iniziate ad impastare, unite anche il sale, infine
unite il burro e  fate incordare bene l’impasto, deve risultare morbido
ma non appiccicoso. Formate una palla e riposate nella stessa ciotola
della planetaria, coprite con la pellicola e fate lievitare fino al
raddoppio, circa tre ore, il tempo dipende dalla temperatura e umidità
che avete in casa.

Una volta che l’impasto avrà raddoppiato il suo volume,  capovolgete sul
piano di lavoro, sgonfiate e fate una serie di pieghe a tre. Posate
l’impasto con la chiusura rivolta verso il basso, coprite a campana e
fate riposare nuovamente per circa un’oretta. Passato questo tempo,
dividete l’impasto in quattro pezzi, circa 90g ciascuno, formate i
panini, adagiateli in una teglia rivestita di cartaforno, schiacciate
delicatemente, coprite con un panno e fate riposare nuovamente per circa
un’oretta.
Passato anche l’ultima fase di levitazione, amalgamate insieme il uovo e
il latte, spennellate i panini, cospargete con i semi scelti e
infornate in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti. Una volta
cotti, adagiate su una gratella e fate raffreddare.

Per 4 VegBurger;
300g di ceci (cucinati il giorno prima)
1 piccola cipolla di tropea
1 spicchio d’aglio
mezzo peperone
100g di formaggio ragusano
prezzemolo
sale e pepe
olio evo q.b.

Tritate finemente la cipolla, l’aglio e il prezzemolo. Tagliate a dadini piccoli il peperone e il formaggio. Frullate con il minipimer i ceci, allungando con un pò di brodo di cottura. Versate tutte le verdure in una ciotola insieme ai ceci frullati, salate e pepate unite un filo d’olio e amalgamate tutto. Formate 4 burger, disponeteli su cartaforno e poneteli in freezer giusto il tempo che riscaldate la piastra. Una volta riscaldata la piasta, cucinate per circa 4 minuti per lato.

Per la Maionese;
(versione Bimby)
1uovo e 1 tuorlo a temperatura ambiente
350gr di olio di semi di girasole
30gr di succo di limone
mezzo cucchiaino di paprika affumicata
un pizzico di sale

 

Versate nel boccale, le uova, il sale e il succo di limone. 1min vel.4. Ora a vel. 5 versate l’olio sul coperchio del
bimby, tenendo il misurino capovolto, in modo che l’olio filtri piano
alzando ancora la velocità a 6. Quando l’olio è finito, unite la paprika: 20sec vel. 7. ed è pronta.
Per le chpis di carote;
Pelate le carote, tagliate a bastoncini, irrorate con olio e sale, disponete in una placca da forno rivestita da cartaforno e infornate per circa 20 min  in forno già caldo a 200°.
Assemblaggio del panino;
Dividete il panino a meta e tostate leggermente sulla piastra, con la parte interna rivolta  verso il basso. Sulla base adagiate una
foglia di lattuga, sopra il burger, splamate un cucchiaino di maionese, una fetta di  pomodoro chiudete con l’altra meta il panino e il burger è pronto!
Con questa ricetta partecipo a MTC n.49
A Presto
Terry

Burger di Salmone con Salsa allo Yogurt e Chips di Finocchio

 

Erano un paio di mesi, che guardando gli indizi del mtc, pensavo al burger americano, ma alla fine la ricetta scelta era tutt’altro.
Questo mese, invece, non ho capito niente degli indizi…. e cosa spunta fuori… proprio il burger!!
Ci voleva lei e la sua vittoria per la mitica ricetta, la “fratella” della community, Arianna!!

I burger sono un piatto che le bimbe adorano, ed io li faccio spesso,  anche a Pipinu piace molto specialmente accompagnato da un boccale di birra gelata. Quando dico che li faccio spesso, mi riferisco al  classico burger di carne, con un po’ d’insalata e una fettina di formaggio nel panino, una spruzzata di ketchup e maionese e basta. Poi  ci sono delle volte, che nel mio panino metto anche del bacon e un uovo fritto, cosi  come me lo mangiavo il sabato sera “di tanti anni fà” al take-away in piazza con gli amici.

Quando si dice burger, subito viene da pensare a quello tradizionale di carne, però qui si parla di ricetta per l’mtc, e anche se so che sono molto, ma molto lontana dalla vittoria, ho voluto abbandonare il tradizionale e osare un pò.

Mentre preparavo, Pipinu mi passava vicino, chiedendomi cosa stavo preparando per cena, e quando ho risposto che sarebbe stata una cosa nuova, la sua risposta era sconcertante, perché lui non ama le novità, però tutto cambiò al primo morso, dove sono partiti una serie di mmmhhhh buono!….mmmhhh ma la salsa cos’è? sai che mi piace!!
E non potevo non essere contenta che alla fine,  la cena e i nuovi sapori per lui sono stati  graditi.

Burger di Salmone con Salsa allo Yogurt e Chips di Finocchio.

Per 4 panini con lievito madre;

150g di farina integrale
100g di farina manitoba
80g di lievito madre rinfrescato
150ml di latte
25g di burro
15g di zucchero
5g di sale

Per lucidare i panini;
1 uovo
1 cucchiaio di latte
semi vari a scelta



Versate il latte a temperatura ambiente lo zucchero e il lievito madre nella planetaria e fate sciogliere a bassa veolictà con il gancio a K. Setacciate le farine, versatele dentro la planetaria, cambiate con il gancio ad uncino ed iniziate ad impastare, unite anche il sale, infine unite il burro e  fate incordare bene l’impasto, deve risultare morbido ma non appiccicoso. Formate una palla e riposate nella stessa ciotola della planetaria, coprite con la pellicola e fate lievitare fino al raddoppio, circa tre ore, il tempo dipende dalla temperatura e umidità che avete in casa.

Una volta che l’impasto avrà raddoppiato il suo volume,  capovolgete sul piano di lavoro, sgonfiate e fate una serie di pieghe a tre. Posate l’impasto con la chiusura rivolta verso il basso, coprite a campana e fate riposare nuovamente per circa un’oretta. Passato questo tempo, dividete l’impasto in quattro pezzi, circa 90g ciascuno, formate i panini, adagiateli in una teglia rivestita di cartaforno, schiacciate delicatemente, coprite con un panno e fate riposare nuovamente per circa un’oretta.
Passato anche l’ultima fase di levitazione, amalgamate insieme il uovo e il latte, spennellate i panini, cospargete con i semi scelti e infornate in forno già caldo a 180° per circa 15 minuti. Una volta cotti, adagiate su una gratella e fate raffreddare.

Per i Burger di Salmone;
per 2;

300g di filetto di salmone
sale
pepe
erba cipollina
prezzemolo

Tritate finemente con un coltello il filetto di salmone, tritate anche l’erba cipollina e il prezzemolo, unite tutto, salate e pepate, formate i burger con l’aiuto di un coppa pasta e passate per un paio di minuti in freezer, giusto il tempo di rassodarsi un pochino.
Riscaldate per bene la piastra e cuocete i burger per circa 3 minuti per lato.

Per la salsa allo yogurt;
2 cucchiai di formaggio spalmabile fresco
2 cucchiai di yogurt greco
1 cucchiaino di lemongrass
un pizzico di sale e pepe

In una ciotola unite il yogurt greco, il formaggio spalmabile, le erbe e il sale e pepe. Amalgamate energicamente con una forchetta, conservate in frigo fino al momento dell’uso.

Per la farcitura;
foglie di lattuga
fette di pomodoro
fette di cetriolo

Per il contorno; Chips di Finocchio;
1 finocchio
olio di semi

Eliminate la parte esterna del finocchio, affettate in fette sottili, sciacquate sotto acqua corrente, tamponate e asciugate bene tra due fogli di carta assorbente. Nel frattempo mettete a riscaldare l’olio in un pentolino e una volta raggiunta la  temperatura, circa 180°,  tuffate dentro le fettine di finocchio, poco per volta, per circa 4 minuti, scolate e ponete su carta assorbente.

Assemblaggio del burger;

 

Dividete il panino a meta e tostate leggermente sulla piastra, con la parte interna rivolta  verso il basso.
Sulla base del panino spalmate un po’ di salsa allo yogurt, adagiate una foglia di lattuga, poi il burger di salmone, poi un cucchiaino di salsa, poi le fette di cetriolo e sopra le fette di pomodoro. A questo punto potete chiudere il burger con l’altra meta del panino, aprite la bocca grande grande e mangiate! 🙂

Con questa ricetta partecipo a MTC n.49

 

A Presto
Terry.

Colomba con Gocce di Cioccolato per Pasqua

Dopo il successo con il panettone di Alessandra, non potevo non provare  la colomba.
Le sue ricette sono sempre una sicurezza di buona riuscita, e il suo libro è molto ben spiegato.
Cosi per Pasqua, quest’anno ho la mia colomba “home made” con lievito madre.

Colomba
dose per stampo da 1kg;
( io non ho trovato stampi da 1kg, cosi ho diviso in due stampi, 1 da 750g e uno da 500g, nello stampo da 750g ho messo 680g di impasto, mentre in quello da 500g ho messo 450g di impasto)

Primo impasto;
300g di farina panettone Molino Quaglia
15g di lievito madre secco
96g di zucchero
123g di tuorlo
137g di burro
117g di acqua

Secondo impasto;
55g di farina panettone Molino Quaglia
5g lievito madre secco
22g di zucchero
25g di tuorlo
27g di burro
50g di aroma
200g di  gocce di cioccolato/ arancia candita
6g di sale

Aroma;
90g di miele d’acacia
50g di arancini canditi( io ho omesso questi)
la buccia grattugiata di un arancia
1 bacca di vaniglia
1 cucchiaio di liquore Amaretto

Glassa;
75g di mandorle
10g di farina di riso
10g di amido di mais
100g di zucchero
65g di albumi
mezzo cucchiaino di cacao
2 cucchiaini di Amaretto
un pizzico di sale

Per la guarnizione;
mandorle intere
granella di zucchero
zucchero a velo

Il giorno prima preparate  l’aroma e la glassa.

Per l’aroma;
frullate insieme, gli arancini, il miele, l’amaretto, fino ad ottenere una crema. Fate riposare un pò, poi unite la buccia grattuggiata dell’arancia e i semi della bacca di vaniglia. Amalgamaete tutto, coprite con pellicola e fate riposare a temperatura ambiente fino al momento dell’uso.

Per la glassa;
Tritate le mandorle con una parte di zucchero, poi unite il resto degli ingredienti tranne gli albumi. Amalgamate tutto e poi incorporate gli albumi in più riprese. Coprite con pellicola e fate riposare in frigo, poi estraetela 20 minuti prima dell’uso.

Primo impasto; ore 20;

Impastate la farina con l’acqua, il lievito e 1/3 di tuorli con la frusta a K. Lavorate fino a quando non si formerà un impasto elastico, dopo incorporate il resto dei tuorli e lo zucchero, sempre alternandoli tra loro, e facendo incordare l’impasto tra ogni passaggio. Finito questo passaggio, cambiate con il gancio ad uncino, e continuando sempre ad impastare inserite il burro ammorbidito a temperatura ambiente a pezzi piccoli, facendo sempre incordare dopo ogni aggiunta.
L’impasto a questo punto dovrà risultare  ben incordato ma non troppo lucido, in caso contrario i tempi di lievitazione saranno più lunghi.
Mettete l’impasto in una ciotola velata di burro, copritelo con la pellicola e lasciatelo lievitare  per tutta la notte, cosi dovrà triplicare di volume.

Preparazione del secondo impasto;
Riportate il primo impasto nella planetaria, aggiungete la farina e il lievito e impastate fino ad incordare tutto. Aggiungete il tuorlo e lo zucchero, sempre alternandoli a più riprese. Unite l’aroma poco per volta e infine il sale. A ogni passaggio lavorate bene facendo incordare l’impasto. Incorporate il burro poco per volta facendo incordare ancora l’impasto prima di inserire altro.
A questo punto inserite a vostra scelta i canditi o le gocce di cioccolato, impastando al minimo per distribuire il tutto uniformamente.

Io qui, prima di inserire le gocce ho diviso l’impasto, lasciando una pezzatura semplice senza nessun aggiunta di canditi o altro.

Fate riposare l’impasto  in una ciotola senza coprirlo con la pellicola, per circa un’ora a 28°C.
Passato questo tempo, spostate l’impasto sul piano di lavoro, allargatelo e lasciatelo all’aria per circa 15 minuti, in modo che si formi una pellicina.

A questo punto dividete l’impasto in un pezzo di 2/3 e un pezzo di 1/3.
Dividete nuovamente in due l’impasto più piccolo, formate dei salsicciotti e posizionate al posto delle ali, con quello più grande invece formate una altro salsicciotto e posizionatelo al centro dello stampo per formare il corpo. Coprite con la pellicola e fate  lievitare nel forno con la luce accesa fino a quando non raggiunge 1cm dal bordo.

A questo punto, uscite dal forno, scoprite a lasciate all’aria, cosi che si formi una pellicina. Nel frattempo riscaldate il forno a 165°C. Glassate la colomba distribuendo il composto sopra la colomba, cospargete con la granella di zucchero e le mandorle, poi spolverizzate con un po’ di zucchero a velo.

Nebulizzate il forno con uno spruzzino in modo da creare del vapore acqueo e poi infornate le colombe. Per gli stampi da 1kg cuocete per un ora, lasciando il forno a fessura per gli ultimi 5 minuti, per gli stampi da 750g e 500g, ci vogliono circa 30 minuti. Controllate la temperatura al cuore della colomba, appena raggiunge 96°C, la colomba è pronta.

Sfornate, lasciate riposare per un paio di minuti, poi trafiggetela da ala ad ala con due spiedi, capovolgete facendo appoggiare gli spiedi su due appoggi. Lasciate riposare e raffreddare a testa in giù per circa 2/3 ore.
Poi continuate a farla raffreddare per altre 6 ore prima di imbustare, e per gustarla al meglio, consumatela dopo due giorni.
Per conservarla al meglio, conservate in una busta di propilene spruzzata precedentemente con alcol alimentare.

Buona Pasqua

Terry

Filoncini di Semola con Olive Nere Infornate.

Filoncini di pane di semola con olive nere infornate.

Per il poolish;
300g di semola rimacinata
300g d’acqua
95g di lievito madre rinfrescato

Per l’impasto;
600g di semola rimacinata
300g d’acqua
100g di lievito madre rinfrescato
10g di malto
20g di sale
100g di olive nere infornate

Preparate il poolish, nella planetaria kon il gancio a K, sciogliete il lievito con l’acqua a temperaturat ambiente, aggiungete la farina setacciata e impastate fino ad ottenere  un impasto omogeneo, coprite con la pellicola e fate lievitare per  circa 6 ore.

Passato questo tempo, sciogliete il lievito con l’acqua e dopo versate il tutto sopra il poolish. Aggiungete la farina, il sale e il malto. Impastate con il gancio a bassa velocità, aumentando lentamente a 1.5.  per circa 7 minuti. Unite le olive  denocciolate e continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.
Fate riposare per 2 ore nella stessa ciotola coperta con un panno, dopo rovesciate l’impasto sulla spianatoia e praticate una serie di pieghe a tre, per tre volte a distanza di 30minuti, facendo riposare a campana dopo ogni passaggio. Dopo l’ultimo passaggio, adagiate l’impasto in un contenitore con chiusura ermetica, leggermente unto d’olio, e riponete in frigo per tutta la notte.
La mattina dopo, fate prendere di temperatura il vostro impasto per circa 4 ore, dopo, rovesciate l’impasto sulla spianatoia leggermente infarinata e dividete in quattro pezzi, dando la forma di un filoncino ad ogni pezzo. Spolverate con della semola e ricoprite con un telo, fate lievitare ancora per circa un’ora. Nel frattempo riscaldate il forno al massimo, (il mio forno arriva a 250°) con dentro la pietra raffrettaria. Una volta raggiunta la temperatura spruzzate dell’acqua sulle pareti del forno per creare il vapore e inserite i filoni. Cucinate a 250° per i primi 10 minuti, per poi abbassare la temperatura a 200° per i prossimi 20 minuti. Una volta che il pane è cotto, abbassate la temperatura a 100° e accendete la funzione grill per altri 5 minuti, tenendo lo sportello semiaperto con un cucchiaio di legno.

A Presto

Terry

Focaccine Integrali con Lievito Madre

I miei primi libri sulla panificazione che ho acquistato sono quelli
di Sara Papa, e fino ad ora,  ogni ricetta che ho provato mi ha dato
sempre molte soddisfazioni.

Oggi,  inizio la settimana
con queste soffici focaccine integrali, ottime per la colazione con
burro e marmellata e perché no, anche farciti a piacere con salumi per
un pranzo a sacco. Le mie bimbe, golose più che mai, le hanno portate a
scuola spalmate con la nutella.

Focaccine Integrali.

650g di farina integrale
100g di lievito madre rinfrescata
300g di acqua
50g di miele
30g di olio evo
10g di sale

Dentro
la planetaria,  inserite il lievito madre, l’acqua e il miele, fate
scogliere usando il gancio K. Cambiate il gancio, mettendo quello a
gancio, inserite la farina e iniziate ad impastare. Sciogliete il sale
in pochissima acqua e unite all’impasto, continuando a lavorare a
velocità 1. Aggiungete l’olio e continuate ad impastare, fino a che non
otterrete un impasto liscio e nello stesso tempo elastico.
Adagiate la palla d’impasto in una ciotola unta d’olio, coprite con la pellicola e fate lievitare tutta la notte in frigo.
La
mattina seguente, mettete l’impasto a temperatura ambiente e fate
raddoppiare di volume. A questo punto rovesciate l’impasto sul piano da
lavoro infarinato e allargatelo con le mani, con un coppa pasta rotondo
tagliate le focaccine, circa 10cm di diametro. Ponetele su una teglia
rivestita di carta forno e lasciate a lievitare nuovamente. Devono
raddoppiare di volume. Prescaldate il forno a 200°, spruzzate con
dell’acqua per creare vapore all’interno del forno, abbassate la
temperatura a 190° e infornate le focaccine. Cuocete per circa
15/20minuti.

A Presto

Terry

PanBrioche Albero di Natale

Ormai manca poco per il natale, “la festa più gioiosa dell’anno”, c’è a chi piace e a chi non! Per me il natale e’ la festa più importante, anche se  mi ha portato via due persone a me care, i miei secondi genitori, quelli che mi hanno cresciuta ed accompagnato durante la mia infanzia. Quindi
senza i miei nonni accanto il natale era diventato una festa triste che
mi riempiva solo di dolore. Poi sono arrivate le mie bimbe, ed e’ ritornata la voglia di gioire
e festeggiare il natale. Gli addobbi sono pronti, le strade illuminate e
decorate a tema, le letterine a babbo natale sono state inviate, ed ora attendono con ansia che i loro desideri vengono esauditi.
Nel frattempo mi dò da fare ai fornelli. Ho una lista di dolcetti che vorrei preparare per queste feste, il tutto incastrato tra i vari impegni di  recite scolastiche, feste e giri d’auguri.

Oggi  iniziamo la settimana con una colazione a tema natalizia, il famoso panbrioche che faccio sempre….magicamente si è trasformato in un albero di natale!

PanBrioche alla Nutella.


 Per l’impasto;
500g di farina Manitoba
230g di latte intero
90g zucchero semolato
80g di burro
2 tuorli
100g di Lievito madre rinfrescato o 10g di lievito di birra
pizzico di sale
essenza vaniglia

Per il ripieno;
nutella q.b

Per la finitura;
1 albume
latte
cioccolatini tipo smarties

Nella ciotola della planetaria versate il lievito madre, il latte e 10g di zucchero, fate sciogliere a bassa velocita con la foglia. Unite la farina, l’aroma e i tuorli e iniziate ad impastare con il gancio. Appena l’impasto inizia a compattarsi unite il burro ammorbidito e impastate per altri 5/10 minuti fino a che l’impasto non si staccherà dai bordi della ciotola. Formate una palla, coprite con pellicola e fate lievitare fino al raddoppio.
Una volta raddoppiato di volume, prendete l’impasto, sgonfiatelo, mettete da parte un piccolo pezzettino di pasta e poi dividete in tre pezzi di peso uguale.
Stendete ogni pezzo dando una forma triangolare, possibilmente tutti uguali. Adagiate il primo triangolo di pasta in una teglia rivestita di cartaforno e spalmate con la nutella lasciando 1cm ai bordi. Ricoprite con il secondo triangolo, premete bene i bordi in modo da sigillare bene e poi spalmate un altro strato di nutella. Infine ricoprite con il terzo triangolo di pasta e sigillare i bordi.
Tagliate a strisce i laterali del triangolo, lasciando integra la parte centrale. Attorcigliate ogni striscia in modo da formare i rami dell’albero.
Prendete il pezzettino di pasta avanzato, stendetelo, spalmate con un pochino di nutella e arrotolate. Posizionate al centro dell’albero in modo da formare il tronco. Coprite con un canovaccio e fate lievitare nuovamente fino al raddoppio.

Riscaldate il forno a 180°, spennellate la superficie con albume e latte, decorate a piacere e cuocete per circa 20/30 minuti.

A Presto

Terry