Baci con Fichi Secchi, Grappa e Noci

Ogni casa ha le sue abitudini, ad esempio a casa dei miei, sin da quando ero piccola, una cosa non è mai cambiata.

D’inverno, dopo cena, mia mamma appoggia sul  tavolo una cesta piena di frutta secca, “datteri, fichi secchi, nocciole, noci, pistacchi,arachidi”….insomma un po’ di tutto. Tutti noi allungavamo la mano e sgranocchiavamo quello che più ci piaceva.
Mio papà invece si preparava i fichi secchi imbottiti con le noci, e noi non gli davamo nemmeno  il tempo, di prepararli, ne mangiavamo uno dopo l’altro.

Così pensando a questo momento allegro, ho preparato i miei baci, pensando proprio a mio papà, e dedicando un messaggio per entrambi i miei genitori.

“Oggi che siete lontani…..
Vorrei avervi vicino.”

Perché, è solo quando siamo lontani dai nostri cari che capiamo davvero quanto sono importanti per noi!

Baci con noci e fichi secchi;
per circa 10 baci piccolini;

80g di fichi secchi
50g di noci sgusciati
grappa q.b.
70gr di ganache avanzata
200g di cioccolato fondente  per la copertura.

Sgusciare le noci e tritare leggermente. Tagliare, il più piccolo possibile, con un coltello i fichi secchi e versate un pochino di grappa, quanto basta per inumidirli e fate ammollare per un ventina di minuti.
Io ho usato della ganache che avevo pronta in frigo, fatta con  panna e cioccolato fondente, che ho fatto riprendere a temperatura ambiente per un paio di ore. Unire i fichi scolati dalla grappa con le noci e successivamente con la ganache, amalgamate tutto, ottenendo cosi un impasto compatto.
Formate delle piccole palline, adagiate  sulla cima di ogni cioccolatino un pezzo di noce, pressando bene. Sistemate i cioccolatini in un vassoio ricoperto di carta forno e fate riposare in frigo per una decina di minuti.

Anche questa volta ho usato il metodo dell’inseminazione per temperare il cioccolato, per il temperaggio del cioccolato dettagliato leggete bene i consigli di Annarita.

Lo ripeto anche questa volta, la
dose di cioccolato per la copertura è molto di più rispetto a quello
che userete, ma vi serve per coprire al meglio i vostri cioccolatini,
con quello che rimane potete sbizzarrirvi e usarlo in altre
preparazioni.

Tritate il cioccolato e fate fondere 2/3  a bagno
maria, togliete dal fuoco e incorporate il resto del cioccolato,
amalgamando bene con una spatola in modo da fare scogliere il tutto e
nello stesso tempo abbassare la temperatura, quando il cioccolato cambia
colore e diventa lucido  vuol dire che il cioccolato è stato
temperato.

Immergete i cioccolatini nel cioccolato fuso, scolate con l’aiuto di una forchetta e adagiate su una griglia, in modo da fare scolare il cioccolato in eccesso e farli rapprendere.

Con questa ricetta partecipo a  MTC n.45

A  Presto

Terry

Torta di mele, nocciole e avena.

Sono circa quattro mesi che seguo un gruppo, scoperto per caso.
Re-cake, un gruppo ideato da sei blogger appassionate, che ogni mese propongono un dolce da rivisitare o proporre per come lo presentano.
Finalmente oggi, quasi allo scadere del tempo limite, riesco a partecipare con la ricetta proposta per questo mese.
Una torta di mele, “dolce che io adoro”, ma questa volta arricchita con le nocciole e l’avena.
Ho seguito la ricetta alla lettera, come proposta dalla locandina,  e nel frattempo ho anche  sbirciato il blog di Ileana .

Torta di mele, nocciole e avena;

105g di farina di riso
50g di farina di nocciole
60g di farina d’avena
2 cucchiai di crusca d’avena + altri due per la superficie – io ho trovato solo i riccioli di crusca che poi ho sbriciolato
1 cucchiaio di cremor tartaro
mezzo cucchiaino di bicarbonato
mezzo  cucchiaio di cannella in polvere
un pizzico di zenzero
mezzo cucchiaino di sale
3 uova media bio
150g di zucchero di canna
125ml di latticello
125ml di olio evo
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
2 mele
50g di nocciole tostate.

Per preparare il latticello,
60g di yogurt
60g di latte
un cucchiaino di succo di limone

Se non trovate il latticello pronto, lo potete tranquillamente preparare in casa come ho fatto io.
Preparate il latticello, amalgamando tutti gli ingredienti e fate riposare per circa 15minuti.

Prescaldate il forno a 180°.
Setacciate insieme tutti gli ingredienti secchi, le farine e le spezie.
In un’altra ciotola sbattete insieme le uova, lo zucchero di canna, il latticello, la vaniglia e l’olio.
A questo punto amalgamate gli ingredienti secchi con quelli umidi.
Imburrate e infarinate uno stampo di vostra scelta e versateci dentro l’impasto.
Adagiate le mele tagliate a fettine sulla superficie, cospargete con le nocciole tritate e la crusca.
Infornate e cuocete per circa un ora, meglio fare sempre la prova stecchino.
Lasciate raffreddare per circa 15 minuti nella stessa teglia, prima di sformare.

Con questa ricetta partecipo a Re-Cake2.0

A Presto

Terry

Il Bacio – MTC n.45 Febbraio2015

Febbraio è  il mese dell’amore, si festeggia San Valentino,” la festa degli innamorati”, anche se per me, l’amore si deve dimostrare tutti i santi giorni, e non una volta l’anno!
Cosi, Annarita, per la sfida n.45 del MTC, ci ha proposto i classici cioccolatini, “I Baci” con tanto di bigliettino e messaggio 🙂
Una regola fondamentale per questa sfida è il temperaggio del cioccolato con tanto di marmo e spatole. Io purtroppo marmo in cucina non ne ho.  L’unico marmo che ho a casa è quello nelle scale, quindi, o mi mettevo fuori nelle scale a temperare il mio cioccolato (ma non mi sembrava il caso 🙂 ), oppure optavo per il temperaggio per inseminazione.

I simil baci classici l’avevo già fatti qualche tempo fa, cosi, questa volta ho deciso di provare a farli con il pistacchio, un frutto che piace molto a Pipinu nei dolci.

Preparo questi cioccolatini e li metto in frigo senza copertura, nel frattempo,  porto le bimbe ad una festa di carnevale, torno a casa con il pensiero che devo ricoprire questi benedetti cioccolatini, e…. trovo il vassoio mezzo vuoto….. meno male che dovevano essere il dolce per San.Valentino!

La dedica che metto a questi cioccolatini, è la stessa che Pipinu a dedicato a me…..


” Falling in love is easy.
But staying in love
is something very special.”
“Innamorarsi è facile.
Ma continuare ad amarsi 
è una cosa molto speciale.”

Baci al Biscotti e pistacchio;
per circa 15 cioccolatini;

per il ripieno;
15 pistacchi interi
70g di granella di pistacchi
50g di biscotti secchi tritati
35ml di panna per dolci
120g di cioccolato fondente

250g di cioccolato fondente per la copertura

Tritate il cioccolato e mettetelo da parte. Scaldate la panna e appena sfiora il bollore togliete dal fuoco, unite il cioccolato e fate sciogliere mescolando velocemente con un cucchiaio. A questo punto unite la granella di pistacchi e i biscotti tritati e fate raffreddare. Una volta che il composto è ben freddo, formate delle piccole palline che diventeranno i vostri cioccolatini, quindi regolatevi con la grandezza. Adagiate un pistacchio intero su ogni pallina e spingente in modo da fissarlo.

Per il temperaggio del cioccolato dettagliato leggete bene i consigli di Annarita, io, qui vi scrivo il metodo dell’inseminazione.

La dose di cioccolato per la copertura è molto di più rispetto a quello che userete, ma vi serve per coprire al meglio i vostri cioccolatini, con quello che rimane potete sbizzarrirvi e usarlo in altre preparazioni.
Tritate il cioccolato e fate fondere 2/3  a bagno maria, togliete dal fuoco e incorporate il resto del cioccolato, amalgamando bene con una spatola in modo da fare scogliere il tutto e nello stesso tempo abbassare la temperatura, quando il cioccolato cambia colore e diventa lucido e vuol dire che il cioccolato è stato temperato.

Immergete i cioccolatini nel cioccolato fuso, scolate con l’aiuto di una forchetta, adagiate su una griglia e fate asciugare.

Con questa ricetta partecipo a MTC. n45

A presto

Terry

Fish Burgers

Fare mangiare i piccoli di casa è sempre una fatica!

Questo non mi piace….
Questo non lo voglio…
La pasta la voglio bianca….
Nel sugo non voglio pezzettini….

Sono frasi che sento tutti i giorni. Poi mi capita di sfogliare il blog di Sarah (mamma come me), “la recipetionist di questo mese “,  e trovo tantissime ricette da provare. Come sempre annoto le ricette che mi ispirano, e questa volta tra le  ricette annotate c’erano i fish burger. Le mie bimbe mi hanno meravigliato, hanno mangiato tutto velocemente, chiedendomi se c’è ne fossero ancora! Quando mai?! loro che mangiano cosi poco!

Grazie Sarah per questa ricetta, hai fatto colpo su di loro!

Fish Burgers;
per 4 burger;

2 patate medie
300g di filetti di merluzzo
1 uovo
80g di parmigiano
sale
olio evo q.b.
50g di pangrattato
prezzemolo.

Cucinate insieme le patate e il merluzzo a vapore.
Una volta cotti, schiacciate con una forchetta, unite il parmigiano, il pangrattato, l’uovo sbattuto e il prezzemolo tritato.  Aggiungete un pizzico di sale e amalgamate bene.  Formate i burger con l’apposito stampo per i burger, o a mano come per fare le polpette. Adagiate su della carta forno, condite con  un filo d’olio e cuocete a 180° per 15/20 minuti.

Con questa ricetta partecipo a The recipe-tionist Febbraio2015

A Presto

Terry

Frittelle di Carnevale

Oggi è l’ultimo giorno di carnevale, ed io mi sono svegliata ispirita per fare le frittelle. Cosi mentre fuori piove a dirotto io friggo.
Ovviamente la ricetta che ho seguito è quella della carissima Alessandra,mamma papera, quindi il successo è assicurato!
Alessandra farcisce queste frittelle con la crema, “noi li abbiamo mangiate cosi come sono”, e mentre  friggevo, alle mie spalle…le bimbe svuotavano il vassoio.

Ingredienti;

300g di acqua
220g di farina 00
80g di burro
un pizzico di sale
3 uova grandi ( nella ricetta di Alessandra ci sono 4 medie)
la scorza grattugiata di un limone bio
1 litro d’olio di semi d’arachidi per friggere
zucchero a velo per spolverare.

Preparazione;

Portate a bollore, l’acqua, il burro tagliato a cubetti, il sale, lo zucchero e la buccia finemente grattugiata del limone.

Aggiungete
tutta insieme la farina e mescolate velocemente per evitare la formazione di
grumi. Fate cuocere ancora fino a formare una palla, e aspettate che si formi una patina sul fondo della pentola, ci vorranno due minuti circa. Mettete
l’impasto in una ciotola, e fate intiepidire per circa 15 minuti.Aggiungete le uova, uno alla volta, incorporandoli bene con un cucchiaio di legno. Dovete ottenere un impasto denso e cremoso. Versate l’olio in una pentola e fate riscaldare, l’ideale e friggere con una temperatura intorno ai 160°.

Formate le frittelle, facendo delle piccole palline con l’impasto, bagnatevi spesso le mani in modo da evitare che si appiccicano tra le mani. Friggete poco per volta le frittelle, fate cuocere da tutti i lati, rigirando spesso durante la cottura. L’olio non deve superare i 175°/180°.  Devono risultare belli dorati.
Quando saranno pronte, scolate con una schiumarola e adagiate su della carta assorbente per fare asciugare l’olio in eccesso. Infine spolverizzate con lo zucchero a velo, e se avete più tempo e nessuno vi perseguita per mangiarle, farciteli con della classica crema pasticciera.

A Presto

Terry

Ingredienti:
300 gr di acqua
220 g di farina 00 (io ho usato la farina di farro monococco)
80 gr di burro
1 pizzico di sale
60 gr di zucchero semolato
1 pizzico di sale
4 uova medie (valutare in base all’assorbimento della farina)
3 gocce di olio essenziale al limone (oppure la scorza grattugiata)
Per friggere
1 litro di olio di semi di arachide
Per farcire:
crema pasticcera (io ho usato questa)
zucchero a velo per spolverare
Preparazione:
Portate a bollore, l’acqua, il burro tagliato a cubetti, il sale e lo
zucchero, gli aromi se usate gli oli essenziali altrimenti la buccia va
messa alla fine. Aggiungete tutta insieme la farina e mescolate
velocemente per evitare la formazione di grumi. Fate cuocere ancora fino
a formare una palla, e aspettate che si formi appena la patina sul
fondo della pentola ci vorranno appena due minuti. Mettete l’impasto in
una ciotola giusto il tempo di fare intiepidire, circa 15 minuti.
Aggiungete  le uova uno alla volta, mescolando a mano o con il gancio
spatola in planetaria. Alla fine vi ritroverete con un impasto denso e
cremoso allo stesso tempo e se fate la prova con un cucchiaio, scende a
nastro spezzandosi ma a fatica. Fate riposare l’impasto giusto il tempo
di portare l’olio a temperatura.
Fondamentale la cottura, l’olio deve essere caldo ma non troppo se
l’olio è troppo caldo le vostre frittelle non si apriranno nel modo
corretto e risulteranno piene e pesanti allo stesso tempo. la migliore
cottura l’ho avuta con l’olio intorno a 160°, inserite le palline di
impasto e alzate il fuoco, da questo momento controllate che comunque la
temperatura dell’olio non superi i 175/180 gradi. Facendo così si
espandono in modo corretto e verso la fine colorano. Fate cuocere tutti i
lati fino a doratura. Quando saranno pronte con una schiumarola
appoggiate su un piatto coperto con carta assorbente per fare asciugare
l’olio in eccesso.
Per formare le frittelle, io mi sono leggermente bagnata le mani formato
delle palline come per le polpette e appoggiato su carta forno, mentre
aspettavo che l’olio si scaldasse. In questo modo ho ottenuto una forma
più tondeggiante eventualmente potete fare con un cucchiaino. Mi
raccomando la pallina da crudo deve essere una quantità minima,
altrimenti poi raddoppieranno, pertanto attenzione anche a non inserire
troppe frittelle nell’olio, basatevi sulla grandezza della pentola
– See more at: http://mammapapera.it/2015/01/le-frittelle-venete-alla-crema/#sthash.2MbYsS7r.dpuf

Scaloppine al Marsala

Oggi un secondo piatto facile e veloce, le scaloppine! Sicuramente  si possono preparare in tanti modi, io per la prima volta ho provato questa versione un pochino dolce, con il marsala al posto del vino bianco.

Scaloppine al Marsala; per 6 persone;

6 fettine di lombata di vitello
mezzo bicchiere di Marsala
olio evo
sale e pepe
farina di riso q.b.
una noce di burro
rosmarino fresco

Ponete le fettine di carne tra due fogli di cartaforno, e con un batticarne, battete leggermente. In una padella fate scogliere il burro con un filo d’olio evo.
Preparate la farina condita con sale e pepe, infarinate la carne da entrambi i lati e adagiate in padella. Cucinate per un paio di minuti per lato e mettete la carne da parte. Nella stessa padella dove avete rosolato la carne, versate il marsala, fate sfumare a fuoco basso, nel frattempo, fate sciogliere in mezzo bicchiere d’acqua fredda 1 cucchiaio di farina di riso, versatelo sempre nella stessa padella, continuando sempre a mescolare per evitare che si formano grumi, formando una salsina densa. Infine unite la carne e il rosmarino e fate insaporire.

Con questa ricetta partecipo al 100% GFFD

A Presto
Terry

Focaccine Integrali con Lievito Madre

I miei primi libri sulla panificazione che ho acquistato sono quelli
di Sara Papa, e fino ad ora,  ogni ricetta che ho provato mi ha dato
sempre molte soddisfazioni.

Oggi,  inizio la settimana
con queste soffici focaccine integrali, ottime per la colazione con
burro e marmellata e perché no, anche farciti a piacere con salumi per
un pranzo a sacco. Le mie bimbe, golose più che mai, le hanno portate a
scuola spalmate con la nutella.

Focaccine Integrali.

650g di farina integrale
100g di lievito madre rinfrescata
300g di acqua
50g di miele
30g di olio evo
10g di sale

Dentro
la planetaria,  inserite il lievito madre, l’acqua e il miele, fate
scogliere usando il gancio K. Cambiate il gancio, mettendo quello a
gancio, inserite la farina e iniziate ad impastare. Sciogliete il sale
in pochissima acqua e unite all’impasto, continuando a lavorare a
velocità 1. Aggiungete l’olio e continuate ad impastare, fino a che non
otterrete un impasto liscio e nello stesso tempo elastico.
Adagiate la palla d’impasto in una ciotola unta d’olio, coprite con la pellicola e fate lievitare tutta la notte in frigo.
La
mattina seguente, mettete l’impasto a temperatura ambiente e fate
raddoppiare di volume. A questo punto rovesciate l’impasto sul piano da
lavoro infarinato e allargatelo con le mani, con un coppa pasta rotondo
tagliate le focaccine, circa 10cm di diametro. Ponetele su una teglia
rivestita di carta forno e lasciate a lievitare nuovamente. Devono
raddoppiare di volume. Prescaldate il forno a 200°, spruzzate con
dell’acqua per creare vapore all’interno del forno, abbassate la
temperatura a 190° e infornate le focaccine. Cuocete per circa
15/20minuti.

A Presto

Terry

Involtini di Maiale con Philadelphia e Pistacchio

 

A casa mia, gli involtini sono un piatto che piace a tutti.
Piccoli  bocconcini morbidi, che alle bimbe piace mangiare con lo stecchino.
Questi per di più sono ancora più morbidi e deliziosi, con un ripieno di crema soffice al formaggio.

Involtini di Maiale con philadelphia e pistacchio.
per 8 involtini;

8 fettine di lonza di maiale tagliata sottile
100g di philadelphia
50g di pistacchio di bronte tritato
sale e pepe
olio d’olieva q.b.
pangrattato q.b.

Disponete le fettine di maiale tra due fogli di cartaforno e sbattete leggermente con uno sbatticarne.
Amalgamte insieme il pistacchio con la philadelphia, sale e pepe.
Adagiate un cucchiaio di ripieno al centro di ogni fettina,  piegate i laterali sopra il ripieno e poi arrotolate dalla lunghezza per formare dei piccoli rotolini. Irrorate nell’olio d’oliva e poi passate nel pangrattato. Adagiate cosi gli involtini in una teglia da forno e infornate a 200° per circa 15minuti.

A Presto
Terry

Muffin allo Yougurt – Cioccocaffè

Avete fatto merenda?
Ancora no?
Accendete il forno, che ancora siete in tempo!

Muffins allo yogurt, gusto caffè e gocce di cioccolato.

per 12 muffin;

300g di farina 00
120g di zucchero
80ml di olio di semi di mais
2 uova
125g di yogurt al caffè
100ml di latte
50g di gocce di cioccolato
un pizzico di bicarbonato
2 cucchiaini di lievito per dolci
un pizzico di sale
2 cucchiai di zucchero per la finitura

Prescaldate il forno a 180°.
Setacciate la farina con il lievito, il sale e il bicarbonato e tenete da parte.
Amalgamate insieme le uova, il latte, l’olio e lo yogurt. Unite i due composti amalgamando bene con un cucchiaio di legno. Infine infarinate leggermente le gocce di cioccolato e incorporate all’impasto.
Versate il composto nei pirottini riempiendo a 3/4, cospargete con un po’ di zucchero semolato   e infornate per circa 15minuti.

A Presto

Terry