Figolli 2013 – I dolci pasquali Maltesi

In Italia, la Pasqua richiama alla mente  le uova di cioccolato colorate, le  forme di coniglietto, le colombe, la pastiera ed altri dolci. 

Malta presenta la sua prelibatezza unica Pasquale: Il-Figolla.

Quando qualcuno parla di Figolli, per qualsiasi Maltese, vengono in mente le immagini delle varie sagome di pasta biscotto farcita con pasta di mandorle, ricoperta di glassa di diversi colori e decorata con un uovo di cioccolato  sulla parte superiore.


I Figolli di solito  hanno la sagoma di varie figure come; farfalle, cuori, paperelle, conigli e molte altre.

Questa tradizione è amata da tutti, in particolar modo dai bambini maltesi, che aspettano con ansia la Domenica di Pasqua per  avere la loro Figolla decorata. In alcune città si celebra la messa dei bambini, dove loro, vanno a messa con la loro Figolla in modo che alla fine il parroco da la benedizione sul sagrato della chiesa.

La tradizione vuole che  i Figolli non vengono consumati durante la Quaresima, così il primo assaggio di Figolli accade la Domenica di Pasqua. Tuttavia, Figolli di tutte le forme e dimensioni sono in vendita presso tutti i super mercati e i bar di Malta per tutto il periodo pasquale. 
 

Un pezzo di  Figolla, in qualsiasi forma essa sia, è meglio se gustata con una tazza calda di tè o di caffè. 

Non si può godere la Domenica di Pasqua  senza il gusto di una Figolla Maltese!
Ed anche se io, ormai non sono a Malta per Pasqua, la figolla a casa mia non può mancare mai!!
Ed ora passiamo alla ricetta,
Per la pasta biscotto:
800g farina auto lievitante
400g zucchero
400g margarina
3 uova
buccia grattugiata di 1 limone e 1 arancia

Con il Bimby;
Nel boccale inserite la buccia d’arancia, limone e lo zucchero, 10sec. Vel:7.
Ora inserite la farina, il burro e l’uovo, 4min. Vel:3. Fate riposare per circa 30
min in frigorifero.
Passato questo tempo, riprendete la pasta e stendetela con tanta farina per non
farla appiccicare ad uno spessore di 1 cm. Tagliate la pasta in due
forme uguali usando varie formine grandi per biscotti.

 

Per il ripieno:

400g farina di mandorle
400g zucchero
3 albumi
essenza di fiori d’arancio 
essenza di mandorle
 Incorporate
la farina di mandorle, lo zucchero e gli albumi leggermente sbattuti.
Aggiungete l’essenza di mandorle e l’acqua di fiori d’arancio.
Amalgamate tutto bene.

Ora
riprendete la pasta già tagliata,  mettete sopra il ripieno lasciando
1cm dal bordo, spennellate il bordo con un po’ di latte e ricoprite con
l’altra forma di pasta.

Infornate in forno già caldo a 180° per circa 30 min, fin’ a quando non  diventano belle dorate.
Lasciate raffreddare e poi decorate a piacere.


Per la decorazione:

Glassa al cioccolato (cioccolato fondente fuso)
Glassa all’acqua
Ghiacchia Reale
Codette colorate
ovetti di cioccolata
Glassa all’ acqua:
15 ml di acqua
100g di zucchero a velo
 In
una ciotola versate lo zucchero a velo ben setacciato, portate 
dell’acqua a ebollizione in un pentolino e versatelo  un cucchiaio alla
volta allo zucchero a velo, mescolando per farlo sciogliere Continuate a
mescolare fino a sciogliere completamente ed eliminare eventuali grumi.
Se la glassa dovesse risultare troppo liquida aggiungete altro zucchero
a velo, un cucchiaio alla volta, viceversa, se dovesse essere troppo
compatta aggiungete poche gocce d’acqua.
Ghiaccia Reale;
1 albume
250gr di zucchero a velo
mezzo cucchiaino di succo di limone
coloranti alimentari

In una ciotola, sbattete l’albume unendo poco alla volta lo zucchero a velo, fino a che si ottiene un composto spumoso, aggiungete a gocce il succo di limone e continuate a sbattere fino a che ottenete un composto sodo.

Con questi dolci pasquali Maltesi partecipo al contest di Ale – I cook International

Buona Pasqua a Tutti Voi…….

A Presto 

Terry

Bebbux…..e una tradizione Maltese

Oggi è Venerdi Santo. 
Come ben sapete, tramite il mio blog, mi piace farvi conoscere alcune tradizioni della mia terra.
Malta è un’ isola dove la religione è molto diffusa. In ogni piccolo paese ci sono almeno una decina di chiese e chiesette.
In questo periodo di quaresima, e’ usanza che il mercoledi ed il venerdi sono i giorni di magro, dove  non si mangia carne di nessun tipo. Ricordo che quando eravamo piccoli ci dicevano di non mangiare nemmeno i dolciumi, come astinenza, in modo da ripagare ai piccoli peccati……
Poi arriva il Venerdi Santo, ed iniziano i festeggiamenti. Ogni città, a partire dal primo pomeriggio, inizia tutte le processioni devozionali, dove tutti i fedeli camminano dietro tutte le statue che rapresentano la passione di Cristo,  c’è anche chi sceglie di camminare scalzo o con le catene ai piedi come pegno. Oltre alle statue ci sono molti che si vestono di centurioni romani, e di tutti gli altri personaggi che  rappresentano la storia. Le strade sono stracolme di persone, ansiose di vedere queste processioni.

Ora
passiamo alla ricetta di oggi che ci lega a questa giornata. Essendo un
giorno dove non si mangia la carne, un piatto tipico della tradizione
di questo giorno è il Bebbux. si può dire che in ogni casa che vai il venerdi santo trovi questo piatto!
ma ora voi mi dite, ma Bebbux cosa è??!!
Bebbux = Lumache

E si, il piatto di questo giorno sono le lumache. C’è chi li fa scaldati e conditi con olio e aglio, c’è chi
li fa con il sugo e c’è chi li fa stufati. Io oggi vi propongo la
migliore ricetta (secondo me), quella di mia mamma, che ha ereditato a sua volta da mia nonna.

Per prima cosa, le lumache vengono raccolte dopo le prime piogge autunnali a metà Ottobre.
Poi appena raccolte, devono essere conservate in una gabbia con la rete molto piccola, (per evitare che evadano per alcuni giorni), in
un luogo fresco e all’ombra e spurgarli. Questo significa che le
lumache devono stare a digiuno 🙂 in modo che liberano tutta la terra da
dentro  il loro intestino. Almeno 15 giorni!

Quando arriva il giorno che li dovete cucinare, armatevi di buona pazienza perché la cosa è lunga.
Per prima cosa, lavateli con acqua salata, bene, una per una. Ripetete quest’ operazione per almeno 3 volte!
 
Ora in una pentola bella capiente, portate ad ebollizione l’acqua, salate e   aggiungete le lumache.
Fate bollire fino a quando le lumache sono cotte. Per verificare se le lumache sono cotte, rimuovete la lumaca dal guscio, se si stacca facilmente, significa che sono cotte!

Altri ingredienti;

patate
pomodori ramati
menta
basilico
sale 
pepe
cipolla
aglio
olio evo
acqua 
vino bianco

Sbucciate le patate e tagliate in  a cubetti grossolani,(se la grandezza della patata è media basta dividerla in 4).

In
una teglia rettangolare abbastanza grande, affettate la cipolla e
l’aglio e disponete sulla base. Adagiate sopra le patate, il pomodoro
tagliato a dadini piccolini, la menta e il basilico, sale e pepe.

Ora adagiate sopra le lumache con tutti i gusci, altro pomodoro a dadini, e altra menta e basilico.
Versate un bicchiere di vino, e allungate con altra acqua fino a che le patate non sono  coperti  a 3/4.

Ricoprite con la carta alluminio e infornate per circa 30 minuti, fino alla cottura delle patate  a 200°.

Con questo piatto della tradizione Maltese partecipo al contest di Ale; I cook International

A presto con altre ricette di Pasqua.

Terry

E fino qui abbiamo cotto le lumache, ora passiamo alla completazione del piatto.
 

Chocolate Crakles di Martha Stewart per il Recipe-tionist

Questi biscotti sono la fine del mondo!! Croccanti fuori e morbidi dentro! è stato molto divertente farli con l’aiuto delle piccoline,  poi è stato molto bello vedere la loro trasformazione durante la cottura…..  una pallina  si trasformava in un biscotto rotondo  e schiacciato.
Ecco la ricetta presa dal ricettario di Laura, il recipe-tionist di questo mese;
225gr cioccolato fondente
200gr farina 00
55gr cacao amaro
2 cucchiaini di baking powder
1 pizzico di sale
125gr burro a temperatura ambiente
300g zucchero di canna
1 cucchiaino di essenza vaniglia
80ml di latte
2 uova grandi
zucchero semolato e zucchero a velo per la copertura

Sciogliete il cioccolato a bagnomaria e lasciatelo raffreddare. Nel frattempo
mettete la faina, il cacao, il lievito e il sale setacciati in una ciotola. A
parte montate il burro con lo zucchero
di canna per circa 3-4 min finché non diventerà chiaro. Aggiungete la vaniglia
e poi le uova. Diminuite la velocità e aggiungete il cioccolato fuso, poi la
farina in due volte alterandola al latte. Amalgamate bene. Mettete a raffreddare in frigo per almeno due orette. Una volta passato questo tempo, fate
delle palline da 2cm. Rotolateli nello zucchero semolato e poi nello
zucchero a velo ricoprendo tutto. Adagiateli su una teglia
ricoperta con della carta forno e infornate in forno prescaldato a 180°C per 15
min. 
Grazie Laura da parte di tutta la famiglia per questa ricetta!
A Presto
Terry

Fideuà vegetariana con salsa al curry

Buongiorno……

Dopo la prima versione classica di Fideuà, vi avevo avvisato di aspettarvi altre versioni. Ed  ecco  a voi la mia seconda versione, questa volta vegetariana.
Fideuà Vegetariana con salsa al Curry!
per due persone;

200gr di spaghetti spezzati (2-3cm)
mezzo peperone
70gr di piselli freschi
100gr di funghi di bosco
1 porro
1 spicchio d’aglio rosso di Trapani
un bicchiere di VinChef(vino aromatizzato alle erbe)
olio evo
sale 

Per il brodo;
500ml di acqua
1 dado di verdura home made

Per la salsa al curry;

30gr burro
1 cucchiaio di farina
3 cucchiaini colmi di curry
200 ml di latte intero
un pizzico di sale

Per prima cosa, spezzate gli spaghetti, e tostateli con un filo d’olio. Togliete e mettete da parte.
Tagliate il porro a rondelle, l’aglio a fette, i funghi e il peperone a dadini, unite i piselli, un filo d’olio e fate rosolare tutto insieme. Dopo circa  5 minuti, sfumate con il fino, fate evaporare tutto il liquido. 
Ora distribuite gli spaghetti in modo uniformo su tutta la superficie della padella, ricoprite con il brodo caldo e fate cucinare seguendo le indicazioni della pasta,(la mia era 10 minuti) se necessario aggiungete altro brodo, ma attenzione a non farla diventare troppo brodosa!

Per la salsa;

In un  pentolino fate sciogliere il burro a fuoco basso, unite il curry e la farina. Con una forchetta amalgamate bene e fate sciogliere tutti i grumi. sempre  a fuoco basso unite il latte a filo e fate addensare.

Anche questa versione vegetariana è risultata ottima!!

E non pensate che questa sia l’ultima…. “working progress” scappo, che mi aspetta un’ altra versione di Fideuà !!

A Presto
Terry

Zeppole di San Giuseppe al forno


Il 19 marzo, si festeggia San Giuseppe, ed anche la festa del Papà.
In questi giorni non facevo altro che vedere il web  pieno di questi dolcetti,  che ancora non avevo mai fatto. Mi attirava troppo l’idea di poterli fare anch’io…..  cosi’ ho pensato perchè non provarli??

Ho seguito la ricetta presa dal sito Bimby….. risultato?   “ottimo e goloso” !

Ingredienti per 10 zeppole;

75gr di farina 00
50gr di burro
2 uova
125gr di acqua
1 pizzico di sale

Inserite nel boccale l’acqua, il sale e il burro; 5 min. 100° vel.1. Dopo inserite dal foro del coperchio  con le lame in movimento a vel.4. la farina e continuate per  20sec. vel.4. Poi cuocete 6 min. 90° vel.3.
Lasciate raffreddare l’impasto. (circa 10 minuti)
Poi sempre dal foro con le lame in movimento a vel.4, unite le uova una alla volta. Poi 30sec. ve.6.

Ora preparate una teglia da forno rivestita con della carta forno,  versate il composto in una sac-a-poche e con il beccuccio a stella formate le zeppole, facendo due giri sovraposti con un buco al centro.

Infornate a 180° per circa 20-30 minuti.

Per la crema;
1 uovo
50gr di zucchero
13gr di farina 00
13gr di maizena
250gr di latte
1 cucchiaino di essenza di vaniglia

per la guarnizione;
2 cucchiai di nutella
granella di pistacchio di Bronte
amarene
zucchero a velo

Inserite tutti gli ingredienti nel boccale e cucinate con il foro aperto 6 min. 90°. vel.4.

Fate intiepidire e dividete in due parti.

Farcite alcune zeppole con la crema e guarnite zon zucchero a velo e un’amarena.

Per le altre zeppole, unite la nutella alla crema, e farcite cosi, e poi spolverate con la granella di pistacchio.

Auguri a tutti i papà del mondo specialmente a Pipinu e al mio papà!

Terry

Grissini con goccie di cioccolato…..The recipe -tionist

Dopo  la mia ciccina,  è il turno di Lauretta ad essere il recipe-tionist di questo mese, e che facevo… non partecipavo??

Lei
è molto brava, fà delle torte bellissime e molto buoneee!! Ma la cosa
strana e’ che  l’ho conosciuta grazie alle cose meravigliose in fimo che fà. Ed è
stata lei  che mi ha fatto entrare in questo mondo meraviglioso di
blogger, grazie al  suo incoraggiamento,  ho aperto il mio blog!
Ora
laura non è più solo una persona con la quale parlavo tramite pc, ma è
un’amica, ci vediamo spesso, ed ho mangiato tante cose buone, fatte da
lei ….

Ho scritto una lunga lista dal suo ricettario, devo solo trovare il tempo…. intanto inizio con questi…..
Grissini al cioccolato di Paoletta;

500gr di farina manitoba
10gr di sale
225gr di acqua
20gr di strutto
mezzo cucchiaino di zucchero
15gr di lievito di birra
150gr di goccie di cioccolato (ioho usato la barretta 100gr di cioccolato al latte e 50gr di cioccolato fondente)

Mettere tutti gli ingredienti nella planetaria,  tranne le goccie
e il lievito (sciolto in un pò dell’acqua). Lasciare impastare per 7 min.

Poi aggiungere il lievito poi la cioccolata e lasciare andare per altri 7 min.
Gli ultimi 3 minuti circa aumentare la velocità.

Fare un salsicciotto e lasciare coperto a lievitare per 40 minuti.

prima
e dopo la lievitazione

 

Poi tagliare a fette

 e allungare con le mani.

con l’aiuto della mia farfallina

Lasciare 20 minuti a lievitare.

Poi infornare a 200 °  per 10 min.

Veramente buoni!!!

Grazie Laura,le mie piccoline Giada e Giorgia hanno veramnete gradito…. e anche Giulia si è impastata tutto il musetto con la cioccolata!!

Con questa ricetta partecipo al Recipe-tionist di Marzo.

A presto

Terry

Fideuà di pesce con salsa allo zafferano……MTC

Ormai l’MTC fa parte di me, aspetto con ansia ogni mese per scoprire la nuova ricetta ed mese imparo qualcosa di nuovo. Per non parlare poi delle nuove rubriche di approfondimento, una più interessante dell’altra.

Questo mese è toccato a Mai, vincitrice del mese di Febbraio……La ricetta….Fideuà!

Appena ho letto questo nome, non sapevo proprio cosa fosse, e l’ho scoperto leggendo il suo post molto dettagliato, compreso di video. L’unica perplessità era il pesce, perchè  a casa mia si mangia poco e  solo alcuni tipi,  meglio ancora se sono crostacei o pesce a fetta, l’importante che sono senza spine!!

La mia prima intenzione era quella di provare delle cose nuove, ma poi mi sono fermata….ALT….ho riflettuto, ed ho deciso che prima avrei provato la versione classica di Mai, cambiando solo la salsa, perché Pipinuo è litigato con l’aglio!! cosi vedo anche i suoi commenti (in quanto mio critico personale in cucina) e poi caso mai elaboro altre versioni…..tempo permettendo!

Volete sapere il risultato?…..OTTIMO!!!!

Pipinu ha mangiato ben due piatti pieni pieni, con tanto di cucchiaiate di salsa. Quindi visto la buona uscita di questa ricetta la devo rifare!!

Ecco la ricetta copiata da Mai; con qualche piccola modifica:

Fideuà con gamberi, calamari e tutto il pesce del brodo;
 

Ingredienti per 4 persone:

400gr di spaghetti spezzettati (circa 2-3cm)

5 pomodori maturi

1 spicchio d’aglio

3  calamari piccoli

300gr di gamberi

3 gamberoni

1/2 cucchiaino di paprica dolce

una bustina di zafferano

Per il brodo;

1 cipolla
1 pomodoro maturo
sale
1 spicchio d’aglio
prezzemolo
2l di acqua
1 merluzzo
1 pesce lupo
3 triglie rosse
2 gamberoni

Per la salsa, io ho fatto una Salsa allo Zafferano;

4 cucchiai di maionese fatta in casa
2 cucchiai di brodo di pesce
1 bustina di zafferano

Iniziamo con il brodo;

Dopo aver pulito bene il pesce, mettetelo in una  pentola piena d’acqua fredda, aggiungete la cipolla e il pomodoro fatti in 4 pezzi grossolani, l’aglio intero e il prezzemolo.
Portate a ebollizione e togliete la schiuma che si forma sopra,
cuocete per 30/40 minuti. Dopo filtrate e tenete da parte a caldo.
 

Ora passiamo alla Fideuà;
Mai consiglia la “paella” cioè la padella tipica per questi piatti, io che non c’è l’ho ho usato un tegame basso e largo.
Scaldate un filo d’olio, versarci gli spaghetti spezzettati(fideus) e fateli tostare il
più omogeneamente possibile, devono diventare sul marroncino ma
attenzione a non bruciarli troppo. Mettete da parte. 

Aggiungete
altro olio nello stesso tegame dove avete tostato gli spaghetti,  e cuocete i gamberi, salate verso la fine e mettete
da parte, se possibile in un recipiente con coperto per rimanere al caldo. sempre nello stesso tegame, cuocete i gamberoni, sempre salando  verso fine cottura. Mettete anche questi al caldo insieme ai gamberetti.Ora sempre aggiungendo abbastanza olio, cucinate i calamari, ad anelli, salate anche questi a fine cottura e unite al resto del pesce. 

 Io ho usato la salsa di pomodoro fresco che faccio sempre, passata con il passa verdure, perché guai se Pipinu trova un pezzo di pomodoro…. è litigato anche con questo!! 🙂
  
Soffriggete l’aglio schiacciato nell’olio, dopo qualche secondo versate la salsa, circa 6 cucchiai, e qualche cucchiaio di brodo. 
meta cottura

Quando
il soffritto ha cambiato colore, si è ridotto e addensato, versate lo
zafferano, amalgamate
e aggiungete mezzo cucchiaino di paprica dolce. Dopo di che, versate il brodo, quello abbastanza per coprire tutta la pasta, quando la metteremo. 

Quando
il brodo comincia a sbbollire buttate la pasta omogeneamente
su tutta la padella. Qui vanno controllati i tempi di cottura della
pasta, la mia era 10 minuti, dopo i primi 4 minuti che cuoceva la pasta  ho aggiunto i 
calamari, i gamberi, e tutto il pesce che c’era  nel brodo, deliscato per bene con tanta santa pazienza, amalgamato e cotto fino ai 6
minuti restanti. 
Regolate di sale e adagiate sopra i
gamberoni.

Questo piatto và accompagnato da una  salsa,

in un recipiente versate 2 cucchiai di brodo di pesce caldo e sciogliete una bustina di zafferano. Fate intiepidire e dopo unite la maionese. se volete una salsina più liquida basta aggiungere altro brodo.

Che dire….. un piatto troppo buono e ben riuscito.

A Presto…. magari con altre versioni di Fideuà……
Terry 

Maionese fatta in casa

Una salsa che si adatta con molti cibi è sicuramente la maionese, e allora perché comprare quella pronta piena di conservanti e non farla a casa in 5 minuti!!

Ingredienti;
1uovo e 1 tuorlo a temperatura ambiente
350gr di olio di semi di girasole
30gr di succo di limone
un pizzico di sale

Versate nel boccale, le uova, il sale e il succo di limone. 1min vel.4. Ora a vel. 5 versate l’olio sul coperchio del
bimby, tenendo il misurino capovolto, in modo che l’olio filtri piano
alzando ancora la velocità a 6. Quando l’olio è finito, amalgamare:
pochi secondi a vel. 7 

E la maionese è fatta! veloce no??

A Presto

Terry

Ciambella soffice doppio gusto

Una ciambella che rimane morbida e soffice per 5 giorni la volete??

Eccola qui;

Ingredienti

250gr farina 00
250gr zucchero
3 uova
130gr olio di semi
130gr acqua
una bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di essenza di  vaniglia
2 cucchiai di cacao amaro

Montate le uova con lo zucchero fino ad
ottenere un composto chiaro e spumoso, aggiungete l’olio molto
delicatamente e continuate a sbattere fino ad amalgamarlo del
tutto. Aggiungete l’acqua, l’aroma, la farina setacciata a cucchiaiate, il lievito sempre setacciato. Amalgamate molto bene il composto.
Imburrate e infarinate uno stampo per
ciambella da 26 cm e versate  3/4 del composto, in quello rimanente mettete i due cucchiai di cacao
amaro, amalgamate e poi versate delicatamente il composto scuro su
quello chiaro. Fate un giro con la forchetta per creare un effetto.
Infornate in forno già caldo a 180° per 40 minuti circa, conviene sempre fare la prova stecchino.
A Presto
Terry