Trick or treat…. It’s Halloween!!

Halloween è una festività che si celebra principalmente negli Stati Uniti la notte del 31 ottobre
e rimanda a tradizioni antiche della cultura celtica e anglosassone.
Oggi è diffusa anche in altri Paesi del mondo e le sue caratteristiche
sono molto varie: si passa dalle sfilate in costume ai giochi dei
bambini, che girano di casa in casa chiedendo dolcetto o scherzetto.
Elemento tipico della festa è la simbologia legata al mondo
dell’occulto, tradotta sotto forma di immagini macabre tra cui le zucche
intagliate di jack-o’-lantern. Wikipedia

Halloween non è una  festa che ci appartiene, per questo motivo non mi piace più di tanto tranne per i colori arancione e viola che prevalgono sopra a tutte le decorazioni, ma quando ci sono bambini che devono festeggiare insieme ad altri compagnetti, non puoi far altro che accontentarli ……

Ecco cosa abbiamo preparato insieme…..

I ragnetti;

250gr di biscotti Digestive
100gr di marshmallows
cioccolato fondente tritato o a scaglie
rotelle di liquirizia

Sbriciolate i biscotti con l’aiuto di un mixer.
Fate sciogliere i marshmallows a bagnomaria.
Versate a poco a poco il composto liquido dei marshmallows sopra i biscotti e con un cucchiaio di legno amalgamate fino a che non risulta un impasto sodo.
A questo punto formate le palline e rigiratele dentro il cioccolato tritato in modo da coprirle tutte.
Infine tagliate la liquirizia e formate le zampette.

Poi una serie di cupcakes decorati….

Per i cupcakes ho usato una base pronta della linea SanMartino,Torta caprese al cioccolato fondente e mandorle, seguendo l’istruzioni riportate sulla confezione,  invece di cucinare il preparato nella solita teglia per torte, ho diviso il composto nei pirottini.

Le decorazioni sono sempre fatti in  Pasta di zucchero,
con l’aggiunta di cmc.
Cosi ho realizzato zucche, fantasmini e cappelli di strega, tutti colorati con coloranti alimentari e polveri edibili.

Happy Halloween

Terry

Girelle di cioccolato

Ecco un dolce facile e veloce da fare, si puo farcire in mille modi, ideale per le feste dei bambini. Io questa volta ho preparato questo dolce per una scampagnata con amici e parenti e la prossima volta devo raddoppiare le dosi visto che è andato a ruba!

Per l’impasto Biscuit;

5 uova
175gr di zucchero semolato
100gr di farina
la scorza grattugiata di mezzo limone
1 bacca di vaniglia
80gr di burro
pizzico di sale
burro per imburrare la placca da forno

Per la farcia;

200ml di panna
200gr di cioccolato fondente

Per la decorazione;
Granella di pistacchio

Con le fruste elettriche lavorate le uova, lo zucchero, pizzico di sale,
la scorza di limone e la bacca di vaniglia(raschiata). Sbattete per
circa 15minuti, finché il composto risulterà bianco e spumoso( il
risultato deve scrivere appena sollevate le fruste).
A questo punto aggiungete la farina versata a pioggia, e mescolate
delicatamente dal basso verso l’alto, finché sarà perfettamente
incorporata.
Nel frattempo a fuoco dolce fate fondere il burro, lasciatelo intiepidire e unitelo lentamente al composto amalgamando bene.
Con del altro burro fuso spennellate la placca da forno, ricoprite con
carta da forno, e spennellate nuovamente con altro burro fuso.
Stendete l’impasto al centro del foglio e stendetelo delicatamente con
l’aiuto di una spatola. Cuocete il biscuit nel forno caldo a 200° per 8
minuti. A cottura ultimata, rovesciate la pasta su un canovaccio
leggermente inumidito. Spennellate la carta da forno con acqua fredda
man mano che la staccate dal biscuit.

A questo punto, arrotolate la pasta, aiutandovi con il canovaccio,e lasciatela raffreddare a temperatura ambiente.
Intanto preparate la ganache, versate la panna in un pentolino e
portate leggermente a  bollore, spegnete il fuoco e aggiungete il
cioccolato precedentamente tritato, mescolate bene fino a che non sia
sciolto completamente. Fate raffreddare la crema in modo che si
solidifichi.
Una volta fredda montate con le fruste per un paio di minuti.
La pasta ora è pronta per essere farcita e riarrotolata. Usate
un’estrema delicatezza mentre la srotolate per evitare che si rompe. Dopo averla farcita, arrotolate il dolce su se stesso con un movimento
leggero e senza premere per evitare la fuoriuscita della farcitura.

A presto
Terry.

Peperoni Ripieni

Un piatto unico leggero e gustoso, ideale per che è a dieta ho vuole tenersi in forma!

 Per un peperone ripieno;

Ingredienti;
1 peperone
1 pomodoro maturo
1 scalogno
prezzemolo
250ml di brodo vegetale
70gr di riso basmati
olio evo
sale e pepe

Lavate il peperone sotto acqua corrente e tagliate la calotta, tenendola da parte. Rimuovete dall’interno i semi ed
eventuali filamenti. Adagiate su un tagliere capovolto. Lavate il pomodoro, tagliatelo a metà e private dei semi. Tagliate a cubetti. Lavate il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente con la mezzaluna su un tagliere. Scaldate il brodo. In una pentola fate soffriggere a fiamma bassa lo scalogno tritato molto finemente con un filo d’olio.
Aggiungete il pomodoro e lasciate insaporire per 2 minuti. Aggiungete il riso e fatelo tostare, unite un mestolo di brodo e cucinate il riso  secondo i
minuti di cottura riportati sulla confezione. Continuate unendo il brodo man mano che viene assorbito, mescolando
di tanto in tanto, senza lasciare che il composto si asciughi troppo, 2 minuti prima della fine del tempo di cottura del riso, unite il prezzemolo tritato. Mescolate continuamente fino a fine cottura. Aggiustate di sale e pepe.
Ungete una pirofila da forno, spennellate l’interno del peperone con un filo d’olio, e riempite con il riso. Coprite il peperone con la  calotta, condite con un filo d’olio,
una grattugiata di pepe ed infornare per 45 minuti a 180°.

Buona giornata
Terry

Pasta alla Gricia e si ritorna con il Recipe-tionist.

Lo so che ultimamente ho saltato qualche appuntamento con il Recipe-tionist, ma ora ritorno anche se all’ ultimo minuto. A casa mia, la pasta  si mangia tutti i giorni. Ieri proprio non avevo idea di come farla, cosi sono andata a sbirciare velocemente il ricettario di Gianni, il vincitore di Ottobre, ed ho scelto questo piatto facile e veloce, sporattutto con pochi ingredienti che avevo già in frigo.

INGREDIENTI (per 2 persone)
200gr di pasta di grano duro

50gr guanciale a dadini

Pecorino romano grattugiato

2 cucchiai di olio evo

Pepe

Sale

Mettere a bollire una pentola con abbondante acqua e, quando bolle, salarla e gettare la pasta.

In
una padella capiente versare l’olio EVO e rosolare il guanciale, aggiungere il
pepe macinato al momento e cuocere fino a che la pancetta non risulta
leggermente croccante.

Scolare la pasta un paio di minuti prima del termine di cottura e
versarla nella padella e completarne la cottura aggiungendo un paio di
mestolini dell’acqua di cottura.

Al termine aggiungere il pecorino grattugiato, mescolare bene e servire in piatti preriscaldati.
Completare con una bella grattata di pepe e una spolverata di pecorino. 

Buon Pranzo
Terry

Il Pesce Famoso Maltese…. Lampuki

Passato ferragosto a Malta tutti i pescatori iniziano a preparasi per il tanto atteso periodo di pesca, quello per i “Lampuki” ovvero i caponi. I Lampuki, un pesce che migra oltre le isole tra settembre e novembre. Un pesce elegante e raffinato, ha carne bianca e un sapore distintivo del mare.

I pescatori si riuniscono nelle loro località ed iniziano a prepararsi per settimane di duro lavoro in mare. E ‘un fatto curioso che lampuki sono stati catturati nello stesso modo dai pescatori maltesi sin dai tempi dei Romani. Mentre si avvicina la stagione,  i pescatori raccolgono grandi fronde, la parte più bassa delle palme e intrecciandoli creano delle zattere piatte.
Queste zattere galleggianti vengono portati a mare e i lampuki, si riuniscono sotto queste belle zone d’ombra. Rapidamente i pescatori li circondano con le reti e li catturano. Questo trucco non fallisce mai!

“Il-luzzu” – la barchetta tradizionale dei pescatori Maltesi.

 A seconda della loro dimensione i lampuki si possono cucinare alla griglia, fritti accompagnati da una salsa di capperi o fatti in un meravigliosa torta salata con spinaci e olive, chiamata ” torta tal-lampuki”, che presto farò.

Ecco la versione fritta;

1 capone tagliato a fette
farina bianca
sale
olio evo

per la salsa;

polpa di pomodoro
1 cipolla
olive bianche
capperi sotto sale
olio evo
sale e pepe

Fate rosolare la cipolla ed appena diventa bella dorata versate la polpa di pomodoro, cucinate a fuoco basso per 5 minuti poi unite i capperi precedentamente sciacquati e le olive bianche. Aggiustate di sale e pepe e continuate la cottura per altri 5- 10 minuti sempre a fuoco basso fin che non si addensa.

Lavate bene in pesce con acqua e sale, infarinate e friggete per un paio di minuti da entrambi i lati.
Servite il tutto caldo, ma vi assicuro che anche freddo è sempre molto buono.

Buon Pranzo 
Terry

Il pane dolce dello Shabbat per l’MTC di Ottobre

Ogni mese, grazie all’ MTC imparo delle nuove ricette, ma questa volta grazie ad Eleonora oltre ad imparare una ricetta ho appreso cose nuove riguardo ad una religione e ad una cultura diversa dalla mi. Parlo della cultura e della religione ebraica…. e della cucina Kosher (che conoscevo poco).

Questo pane dolce, intrecciato e ricoperto di semini,  vuole significare unione e vita, che poi diviso tra parenti ed amici significa amore.

Passiamo ora alla sfida,
L’impasto deve essere quello di Eleonora, senza modificare niente. La prima volta è andata male, colpa mia e della confusione… ho messo l’acqua leggermente calda e quindi ho ammazzato il lievito, ma gli impasti seguenti sono venuti una meraviglia……

Con questa dose vengono fuori due trecce;

250gr di farina 0
250gr di farina Manitoba
2 uova medie

100gr di zucchero
20gr di lievito di birra

125ml di acqua tiepida
125ml di olioevo Dante
10gr di sale

Setacciate la farina. Fate
sciogliere il lievito nell’acqua
tiepida insieme a un cucchiaino di zucchero e fate riposare per un paio
di minuti, fino a che si  forma una schiuma in superficie. Mischiate la
farina, il sale e
lo zucchero, versate il lievito e cominciate ad impastare. Poi
aggiungete l’olio e per ultimo le uova, uno ad uno, incorporate bene.
Lavorate bene fino a che l’impasto non si stacchi perfettamente dalla
ciotola,
lasciandola pulita.

Lasciate
lievitare per almeno due ore, dopodiché, sgonfiate l’impasto e dividete
in due parti uguali. Poi dividete  ognuna delle parti in tre.

Stendete
su un piano infarinato ognuna delle parti lunghe circa 35 centimetri e
larghe 15 e mettete sopra ad ogni striscia il ripieno, ripiegate su se stessa ogni striscia e sigillate. Ora procedete a formare
la treccia, unite da un capo ed intrecciate. Fate lievitare nuovamente per un paio di ore, spennellate
con acqua e tuorlo, cospargete con i semini ed infornate a 200° per 15 minuti.

Il ripieno era libero a nostra scelta rispettando sempre le regole Kosher, subito ho iniziato a pensare su cosa fare, anzi su come farcire questo pane, il primo pensiero che ho avuto è stato un ricordo della mia infanzia, i panini che preparava mia nonna, quelli  che ogni domenica quando ci riunivamo tutti da lei,  ci dava uno ad ogni nipote. Erano delle pagnottine piccole ripiene di mele noci ed uvetta, ancora ho impresso nella mente la frase che ci diceva….” questa si che è una sana merenda non le patatine e la cioccolata che volete sempre voi” anche se poi dopo che tutti noi finivamo il panino la vedevamo venire con una mega barretta di cioccolato e la divideva tra i 12 nipoti….
Quindi non posso fare altro che dedicare il mio primo pane dolce a mia nonna e alla mia infanzia.

Pane dolce del infanzia;

1 mela golden
100gr di uva sultanina
50gr di noci
50gr di mandorle
20gr di pinoli
succo di un limone
scorza d’arancia
1 cucchiaino di spezie pain d’epices
Semi si Papavero blu

Il pane esploso con marmellata di lamponi ed albicocche sciroppate

Marmellate di lamponi, (spennellate poco non fate come a me che abbondate perché finisce che mentre intrecciate esce tutto di fuori!)
Albicocche sciroppate
Semi di sesamo

Il pane dolce con cioccolata fondente e cachi

2 cachi
50gr di cioccolato extra fondente
Semi di sesamo

Prendete la polpa dei frutti, e schiacciate con una forchetta in modo da ottenere una crema, spalmatela sulle strisce e aggiungete le scaglie di cioccolata.

Le mie piccoline con occhi dolci (tipo gatto con gli stivali) ed anche Pipinu mi hanno chiesto il perché li ho fatti tutti con ripieni che a loro non piacciono, Quindi ho dovuto anche accontentarli facendo  una treccia dedicata a loro!

Pane dolce dei golosi

Nutella q.b.
Granella di zucchero.

Ed ecco qua tutti i pani dolci che mi hanno accompagnato durante la colazione, spuntino, pranzo, merenda e dopo cena in questi giorni.

Buon Sabato a tutti,
Shabat Shalom

Terry

World Bread Day 2012

Oggi 16 Ottobre è la festa internazionale del pane, quindi come amante numero uno del pane non potevo lasciarmi sfuggire questa giornata, senza infornare almeno un panino…..
Il pane è un alimento fondamentale, io lo adoro e lo mangio accomapagnato con tutto, basta che a casa ho il pane ed io sono felice…… pane e frutta, pane e cioccolata, mi sazio mangiando anche solo cosi!

Ecco la ricetta del pane che faccio ogni settimana, Panbrioche versione Bimby;

550gr di farina Manitoba
250gr di latte
25gr di lievito di birra
10gr di zucchero
1 uovo
60gr di olio evo
10gr di sale
1 tuorlo per spennellare

Versate nel boccale il latte, scaldate; 1min,37°,vel1.
Aggiungete tutti gli altri ingredienti e impastate; 3min, vel spiga.

Una volta che l’impasto è pronto date la forma al vostro pane, (io faccio sempre mafaldine e girelle) e lasciate lievitare nel forno chiuso e coperto fino a quando non sarà raddoppiato.

Spennellate con il tuorlo a piacere aggiungete i semi di sesamo ed infornate a 180° per circa 10-15minuti.

Con questa dose vengono circa 10 panini, io faccio doppia dose e quelli in più li metto nel congelatore ed ogni giorno esco il pane che mi serve, dopo 10 minuti il pane si scongela perfettamente  come appena sfornato!

Buona giornata
Terry

Biscotti croccanti all’ avena

Oggi veloce veloce vi faccio vedere questi golosissimi biscotti, gradevoli al mattino, ma ideali anche per l’ora del the pomeridiano.

1 confezione di McVities Digestive fiocchi d’avena
100 g di mandorle
100 g di nocciole
100 g di miele
4 albumi
200 g di farina
50gr di miele
1 pizzico di sale


Tritate finemente i biscotti.
Tritate grossolanamente le mandorle e le nocciole, unire la farina setacciata, il
pizzico di sale, le chiare non montate ma sbattute leggermente con un frustino, ed il miele.

Impastate poi unite i biscotti. Viene fuori un impasto molliccio, stendetelo su  una teglia foderata di carta forno (io
ho usato 30 x 23 cm), livellate  con un cucchiaio leggermente bagnato.
Cuocete in forno a 180°C per circa 15 minuti.
Togliere dal forno e con un taglia biscotti della forma desiderata tagliate i biscotti. Fate raffreddare e conservate in una scatola di latta o con chiusura ermetica

Buon Pomeriggio
Terry

Pesce fresco…..fritto e brodo!!

Forse non lo sapevate… forse perchè non ve lo mai detto….  un hobby di pipinu è la pesca,
lui
ci va spesso, sopratutto  quando siamo  a malta per le vacanze estive,
dove  passa delle giornate intere sugli scogli con la canna da pesca in
mano, aspettando che qualche pesce abbocchi.
Devo
dire che quest’estate la pesca è andata abbastanza bene, ogni volta
tornava a casa contento e con il secchio pieno di vari pesci, tra le quali ope, saraghi, occhiate, scorfani, lappere  ed anche qualche murena!

e… con tutti questi pesciolini  anche se era agosto e c’èra caldo ci siamo mangiati il pesce a brodo……..

 

Per il brodo;
1 cipolla
1 spicchio d’aglio
1.5lt d’acqua
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 piccola patata
prezzemolo
sale e pepe
olio evo

Soffriggete in una pentola la cipollo e l’aglio con un filo d’olio
evo, versate l’acqua, la patata tagliata a tocchetti piccolini, il
prezzemolo e il concentrto di pomodoro. Unite il pesce precedentemente
pulito e sqaumato e cucinate a fuoco basso per circa un’ora.

A
casa mia nessuno vuole trovare pezzettini di verdure o altro nel brodo
quindi io con un colino piccola filtro tutto il brodo in modo da averne
solo il liquido. Una volta filtrato tutto, nello stesso brodo verso la
pasta e la cucino direttamente dentro al brodo per avere un risultato
più saporito.

Una cosa che faceva mia nonna è che nel brodo di pesce invece della pasta ci metteva dei crostini di pane fritti……

Per la frittura basta che infarinate il pesce con farina e sale e figgere in oilo di semi di mais.

Buona serata
Terry