Fluffy Puncakes ….. e tutti a tavola!!

Ecco la colazione che fa stare tutti seduti a tavola.
Farfallina è uscita pazza per queste  delizie e secondo lei dobbiamo mangiare tutte le mattine pancakes!!

Ecco una ricetta originale americana grazie alla mia amica Patrizia.

     180ml di latte
     30ml di aceto bianco
     125gr di farina
     25gr zucchero bianco
     5gr di lievito in polvere
     2gr di bicarbonato
     3gr di sale
     1 uovo
     30g di burro fuso
     olio spray per la padella
     2 cucchiai di cacao

   In una ciotola unite il latte con l’aceto e fare inacidire per circa 5minuti. In un altra ciotola unite la farina, lo zucchero, il lievito, il bicarbonato e il sale. Ora riprendete la ciotola con il latte e sbatteteci dentro l’uovo e unite il burro fuso, amalgamate i  liquidi con le farine e mescolate bene  fino a quando non ci sono più grumi. Io poi ho diviso in due ciotole l’impasto ed ho unito del cacao per ottenere dei pancakes al cioccolato.
     Scaldate una padella grande a fuoco medio, spruzzate l’olio spray da cucina e cominciate con la cottura dei pancakes, Versate 1 mestolo  di pastella nella padella e cuocete fino a quando compaiono delle bollicine sulla superficie, con una spatola girate le pancakes, e cuocete ancora  fino a doratura dall’altro lato.
 
Una volta cotti i pancakes componete una torre, la mia torre era composta da una al cioccolato ed una semplice, infine ho spalmato della nutella e decorato con le fragole!!

Con questi pancakes partecipo al contest di  Scorribande in cucina  e La cucina che vale

Ciao
Terry

Bigilla per l’MTC di Febbraio

 Questo mese è stato terribile per me, oltre ai disturbi della gravidanza, Farfallina è stata malissimo causa di una forte influenza, che poi ha contaggiato anche me. 
Ho aspettato fin’ alla fine per elaborare qualche ricetta appositamente per L’MTC di Febbraio, ma non mi è stato possibile, quindi come fuori concorso ripubblico questo patè Maltese.

Bigilla è un tipico/tradizionale spuntino maltese, fatto da fagioli. L’ingrediente principale sono i fagioli di bigilla, che sono simili alle fave, ma molto più piccolo, con una pelle più scura e più dura. Localmente questo si chiama “Ful ta’ Girba” (fagioli Djerba). In alcuni villaggi a Malta, bigilla è venduto da un venditore ambulante che lo eroga una volta alla settimana.

Si mangia accompagnato ai galletti tradizionali maltesi  fatti con acqua e farina, oppure a del pane caldo appena sfornato.

250g fave secche
mezzo cucchiaio di sale
1 spicchio d’aglio intero
peperoncino / una spruzzata di  tabasco
Una manciata di prezzemolo
Circa 4 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Mettere a bagno le fave per 24 ore, cambiando l’acqua almeno 3 volte.
Lessare le fave in acqua  per un’ora e mezza.
Drenare il liquido in eccesso e schiacciare o frullare tutto.
Aggiungere l’olio d’oliva,  peperoncino tritato, l’aglio tritato, prezzemolo e sale.

Mettere il composto in un vassoio o piatto, e lasciarlo raffreddare. E ‘molto importante che la Bigilla è abbastanza liquida quando è ancora calda, una volta che inizia a raffreddare la bigilla comincia ad indurirsi.

 Ciao 
Terry

Millefoglie Chantilly e Frutti di Bosco Di Luca Montersino

Qualche giorno fà è stato il mio compleanno, e per festeggiare questa 
occasione mi sono cimentata in una torta del grande maestro Luca Montersino.

Prima o passato giorni e giorni a consultare il suo sito leggendo tutte le 
ricette, poi la mia amica mimma mi ha  prestato  il suo libro, e 
quindi non facevo altro che sfogliare e sfogliare.

La scelta è stata dura anche perche' ogni ricetta che sceglievo aveva 
qualche ingrediente che dalle mia parti era introvabile. Basta mi stavo 
rassegnando all'idea di fare qualcosa quando poi ho visto questa torta, 
che anche se aveva  2 ingredienti che  non sono riuscita a  trovare,  ho deciso di farla comunque sostituendoli con altri.

Maestro abbi pieta'!!

La mia sceglta e' caduta su una Millefoglie chantilly e frutti di bosco. 
Ora lasciando stare l'aspetto visivo che lo so con la sac-a-poche in 
mano sono una frana, ma il gusto era davvero buono e delicato, insomma è 
piacuta proprio a tutti.
Ecco la lista di ingredienti: (io ho dimezzato le dosi visto che ho fatto una torta piccolina)
Per la sfoglia caramellata:
250gr di pasta sfoglia
75gr di zucchero a velo
40gr di burro di cacao – io di questo ingrediente no ho fatto a meno visto che non lo trovavo, questo ingrediente serve per rendere impermeabile la sfoglia e non farla ammollare ma lasciarla  croccante a contatto con la crema, devo dire che a me una volta che la sfoglia era abbastanza caramellizzata con lo zucchero a velo è rimasta croccante!
Per la finitura:
300gr di crema chantilly alla vaniglia
100gr di panna montata
200gr di pan di spagna
200gr di frutti di bosco (surgelati)
Per la bagna al Maraschino:
50gr di zucchero liquido al 70%
50gr di acqua
12gr di Maraschino 60°
Per la gelè ai frutti di bosco:
100gr di purea di fragole
100gr di purea di frutti rossi
50gr di zucchero semolato
6gr di colla di pesce
20gr di destrosio, che io ho sostituito con lo zucchero visto che non lo trovavo
1gr di acido citrico in polvere


Preparazione:


Cuocere la pasta sfoglia:
Stendete la pasta sfoglia allo spessore di 2 mm, con una forchetta bucatela con fori piuttosto distanti ma regolari ed infornatela a 160° C fino a portarla a color biondo, a questo punto toglietela dal forno, spolveratela di zucchero a velo ed infornatela nuovamente a 240° C fino a caramellizzazione.  
Io qua ho commesso un errore, ho ritagiliato la pasta sfoglia a cerchi prima di cuocerla, con la cottura la pasta si è rimpicciolita,  quindi vi condiglio di cucinare la pasta sfoglia stesa in forma quadrata e poi dopo la cottura ricavate due cerchi.
Per il gelè:
Ammollate la colla di pesce in acqua fredda, nel frattempo frullate la frutta. Prendete meta della frutta frullata, aggiungete la collo di pesce strizzata e scaldate, in modo che  la colla di pesce si scioglie, unite lo zucchero e mescolate bene, unite il restante della frutta e l’acido citrico e mescolate tutto insieme bene.
Per la crema chantilly:
Ammollate la colla di pesce in acqua fredda. Stemperate la crema pasticcera  fredda di frigorifero con una frusta, fino ad  ottenere una crema liscia e omogenea, scaldate la meta in mirconde prelevatene circa la metà e scaldatela a microonde per circa 30 sec, unite la colla di pesce e fatela sciogliere, unite il resto della crema e la vaniglia.
Con le fruste elettriche montate la panna con lo zucchero, unite le due creme molto delicatamente dal basso verso l’alto.
Fate riposare in frigo.
Per la bagna:
Preparate lo zucchero liquido, un litro si ottiene con 700gr di zucchero e 300 gr di acqua, fate  bollire l’acuqa e dopo sciogliete dentro lo zucchero. Potete conservarlo chiuso in una bottiglia di vetro.
Una volta che avete lo zucchero liquido pronto, preparate la bagna, unendo tutti gli ingredienti insieme a freddo.
Montaggio del dolce:
Prendete un cerchio d’accaio, come base mettete una delle sfoglie caramellate, con una sac-a-poche  formate opra alla sfoglia  uno strato di crema chantilly e cospargete sopra dei frutti di bosco. Disponete sopra delle fette di pan di spagna di circa 1cm ed inzuppate con la bagna. Formate un altro strato di crema chantilly e coprite con  un altro disco di sfoglia caramellata. Versate la gelè ai frutti di bosco e chiudete il dolce con un altro disco di sfoglia caramellata.
Cangelate il dolce per qualche oretta.
Passato questo tempo, togliete il cerchio d’accaio
 e  decorate con della panna montata e i frutti di bosco.

Ecco l’interno

e  la fetta.
 Con questo dolce partecipo al contest di “Goloso di Salute” di Stefania  &  AnnaLuisa

e al contest Mani in pasta – 1° Blog Compleanno

Ciao
Terry


Pan di Spagna di Luca Montersino

Ecco il pan di Spagna seguendo la ricetta del maestro Luca Montersino!

Ingredienti:
250 g di uova intere
175 g di zucchero semolato
150 g di farina 00molino chiavazza
50 g di fecola di patate
1 bacca di vaniglia bourbon

Preparazione:
Montate le uova intere con lo zucchero e la vaniglia  con le fruste elettriche, fino ad ottenere un composto spumoso e chiaro.
 A mano, aggiungete questo composto con un cucchiaio di gomma alla farina setacciata insieme alla fecola di patate, miscelando il tutto delicatamente dal basso verso l’alto.
Mettete immediatamente il composto cosí ottenuto negli stampi imburrati ed infarinati, cuocete subito in forno a 190° C per 20 minuti circa.

La Pasta Sfoglia

La pasta sfoglia: una base ideale sia in pasticceria ed anche nel salato. Questa è la prima volta che la faccio a casa è devo dire che il risultato è ottimo.
Con questa dose ho ottenuto 4 panetti di 250gr ciascuno che ho tranquilla mente congelato per un uso futuro.

La dose è:

500gr di farina 00
500gr di margarina sfogliata
275ml di acqua
10 gr di sale

Passiamo ora al impasto:

Versate la farina a fontana sul piano da lavoro, al centro versate il sale e meta dell’acqua. Mescolate con le dita per sciogliere il sale, aggiungete piano piano l’altra acqua e impastate fino a quando otterrete un composto liscio ed omogeneo, lavorando il meno possibile, circa 5-8 minuti.
Coprite l’impasto con la pellicola e fate riposare in frigo per 30 minuti.
Mentre che il pastello riposa in frigo, tirate la margarina fuori e fate riposare a temperatura ambiente.
Passato il tempo di riposo, prendete il pastello e con il matterello stendete dando una forma quadrata, al centro mettete la margarina in posizione diagonale e chiudete le 4 punte ottenute al centro, coprendo tutto il panetto.
Ora cominciate con le cosi dette “girate”, io pensavo che fosse un passaggio difficile invece è una cosa semplicissima!

Spolverate la superficie con un velo di farina e con il mattarello cominciate ad  appiattire il panetto allungandolo in avanti, ottenendo lo spessore di 1,5cm. Piegate la sfoglia in 3, stendete la sfoglia di nuovo e nell’ identico modo di prima fate alte 3 pieghe.
Coprite la sfoglia con la pellicola e fate riposare 30minuti in frigo.
Questa operazione va ripetuta altre 2 volte, con un riposo di 30minuti in frigo ogni volta.

Una volta fatti tutti i passaggi ho diviso la sfoglia ottenuta in 4 panetti, ho avvolto nella pellicola e messo in freezer. Prima di usare la sfoglia basta scongelarla per qualche ora in frigo.

Ciao 
Terry

Carnevale e La pasta ai 5 Puttusi





Da quando sono qui a Catania, secondo la nonna di mio marito non è 
carnevale se non si mangia la pasta ai cinque "puttusi"..... un formato 
di pasta tipo maccheroni grossi con 5 buchi all' interno.

Ogni anno ci ha sempre pensato la nonna a cucinare questo piatto, mentre quest'anno con molto piacere
è toccato a me!
 Per il sugo:
250 gr di tritato di vitello
250 gr di carne di maiale
4 salsicce
2 bottiglie di passata di pomodoro
1 scatolina di pomodoro concentrato
cipolla
carota
sedano
aglio
1 foglia d’alloro
vino
1 cucchiaino di zucchero
un dado classico
olio extra vergine di oliva
pepe e sale q.b.
acqua 
Con il mixer tritate l’aglio, la cipolla, le carote e il sedano. In un tegame versate abbondante olio evo e fate soffriggere le verdure in modo da ottenere un delicato soffritto ( le verdure io le faccio frullate in modo da ottenere dei piccoli pezzi che anche in bocca sono gradevoli).
Appena il soffritto è cotto, a fuoco medio aggiungete i due tipi di tritato e rosolate, sfumate con mezzo bicchiere di vino. 
Fate evaporare.
Appena il vino si è evaporato, aggiungete il concentrato di pomodoro, riempite la stessa scatola di concentrato di acqua e aggiungete, mischiate tutto bene, aggiungete anche le due bottiglie  di passata di pomodoro, regolate di sale e pepe, aggiungete il dado, l’alloro e un cucchiaino colmo di zucchero.
Cucinate a fuoco lento anzi basissimo per circa 1 ora.

Passato questo tempo, aggiungete la salsiccia e fate cucinare altri 30-40 minuti sempre a fuoco lento.
La salsiccia da un notevole gusto e sapore a questo sugo.
Con questo piatto partecipo al contest di Sabrina Ti cucino a fuoco lento.
Buon Appetito!

Terry

PRINJOLATA – Il dolce di Carnevale Tradizionale Maltese

Ecco a voi il dolce di Carnevale tradizionale Maltese!!
 La prinjolata,  comincia ad apparire nei bar e pasticcerie a fine gennaio, quindi ben prima del carnevale, è un mucchio di confusione, tra cioccolato fuso, pinoli e ciliegie candite verde e rossi.
 Il suo nome deriva da prinjol, pinoli, che è simile alla parola italiana, pinoli. Ma pinoli sembrano essere solo un po’ di decorazione. La  torta,  è fatta di crema, pandispagna, scorze di agrumi e biscotti. Ha un notevole numero di calorie visto  la crema di burro e latte condensato!!
Per la farcia:
Mezza dose di pan di spagna
100gr di biscotti secchi
100gr di cioccolato al latte
100 gr di canditi misti
100gr di mandorle
100gr di nocciole
Per la crema:
120gr di margarina
2 cucchiai di zucchero a velo
100ml di latte condensato
2 cucchiai di Vermouth
1 cucchiaino di essenza di vaniglia
Per la copertura:
100gr di zucchero
15ml di acqua
1 albume
1 cucchiaino di essenza alla vaniglia
un pizzico di  cremor tartaro
Per la decorazione:
50gr di ciliege candite
50gr di cioccolato fondente
pinoli tostati e tritati
 Con il mixer tritate leggermente le mandorle e le nocciole (non ridurre in polvere). In una ciotola abbastanza ampia  sbriciolate il pan di spagna, i biscotti, aggiungete le nocciole e le mandorle, i canditi e il cioccolato al latte tagliato a pezzettini piccoli con un coltello.
Passiamo alla crema, con le fruste elettriche amalgamate il burro ammorbidito con lo zucchero a velo, versate piano piano il latte condensato, il liquore e l’assenza di vaniglia. Lavorate con a bassa velocita per circa 5 minuti fino ad ottenere una crema liscia senza grumi.
Una volta che questa crema è pronta, versate sopra il composto precedente ed amalgamate il tutto. Deve risultare un composto morbido ed appiccicoso.
Rivestite un zuccotto con della pellicola, versate il composto, pressate bene e ricoprite di pellicola. Fate riposare in frigo con un peso sopra per almeno 5 ore. Io ho fatto riposare tutta la notte.
Passato il tempo di riposo, sformate il dolce su di un vassoio.  

L’ultimo passo che manca da fare è preparare la copertura,
In un pentolino, a fuoco basso sciogliete lo zucchero e l’acqua, mescolate bene e far bollire la miscela  per circa 3minuti. Nel frattempo montate a neve fermissima gli albumi insieme a cremor tartaro. Sempre con le fruste accese, aggiungete la miscela calda di zucchero molto lentamente sopra, fate amalgamare bene il composto.
Con questo composto rivestite il dolce. Decorate con le ciliege candite, i pinoli e il cioccolato fondente fuso.
Con questo dolce partecipo al Contest  Mani in pasta – I Dolci di Carnevale
e anche al Contest Ogni ricetta dolce vale!! 

 

Ciao
Terry.

Cuori cioccolatosi per Sanvalentino

 Anche se leggermente in ritardo ecco il dolce di San Valentino…..

La base è una mud cake, farcita con nutella e poi ricoperta di ganache. Tutto decorato con una salsa di frutti rossi.

Per la salsa ai frutti rossi:
In un pentolino fate sciogliere un cucchiaio di zucchero inseme a 150gr di frutti rossi, io ho usato quello congelati.

Per la ganache:
Fate sciogliere 100gr di cioccolato fondente con 100gr di panna fresca a fuoco bassa senza mai bollire.

Un dolce veramente gradito, specialmente da mio marito!!

Con questi cuori partecipo al contest di  Cuor di Cucchiaio

Baci
Terry

Biscotti innamorati e Buon San Valentino

Qualche giorno fà insieme a delle  amiche,   abbiamo cucinato diverse cose usando il Bimby. Tra le tante cose abbiamo fatto anche un impasto per biscotti.

Queste sono le dosi per circa una trentina di biscotti:

500gr di farina
200gr di zucchero
300gr di margarina
2 tuorli
la scorza di un’arancia
1 cucchiaino di lievito per dolci.

Versare nel boccale la scorza d’arancia e lo zucchero, 10sec Vel8.
Unire il resto degli ingredienti, impastare, 30sec Vel5.

Coprire l’impasto con della pellicola e fare riposare tra i 15 – 30minuti.

Passato questo tempo, stendete l’impasto e con l’aiuto dei taglia biscotti ricavate forme a vostro piacimento, potete usare anche una pistola spara biscotti.

Infornate a 180° per 5 minuti, devono diventare leggermente dorate!

Una volta raffreddati ho decorato questi biscotti con la Pasta di Zucchero

E questo è il biscotto che Farfallina ha preparato per il suo papà!!

Buon San Valentino a tutti!!

Terry