Crema ai Frutti di Bosco

Per questa crema ci vogliono:

500ml di panna da montare
250g di zucchero
400g di frutti di bosco, io ho usato quelli surgelati.

Mettere i frutti di bosco congelati in un pentolino con lo zuccheroe farli andare per cinque minuti a fiamma bassa.
Nel frattempomontate la panna.
Una volta che la panna è montata, aggiungete i frutti di bosco tiepidi e mescolare bene.

La preparazione è davvero semplice ma il risultato è goloso!

Ciao
Terry.

Chiffon Cake

 

Questa è una base americana…..molto buona e soffice.

285gr di Farina 00 Molino chiavazza
300gr di zucchero
6 uova grandi
195ml di  acqua
120gr  olio di semi mais
1 bustina di  lievito per dolci
8gr di cremor tartaro
Un pizzico di sale
Scorza grattuggiata di un limone
1 bacca di Vaniglia

Per-scaldare il forno a 160°.
In una ciotola unire  la farina, lo zucchero, il lievito e il sale setacciati. Fate un  buco al centro e unite  senza amalgamare l’olio, i tuorli, l’acqua, la scorza di limone, e l’aroma di vaniglia e lasciate cosi.

Nel frattempo montate a neve fermissima gli albumi con il cremor tartaro.
Riprendte la ciotola dove avete la farina e tutti gli altri ingredienti, e con le fruste amalgamare fino a quando otterrete un composto liscio e omogeneo.
A questo punto unite in 2-3 tempi gli albumi al composto delicatamente.

Versate il tutto nello stampo originale che è tipo una ciambelliera molto alta,

ma se non c’è l’avete va bene anche una ciambelliera in alluminio da 30cm.

Non IMBURRATRE mai lo stampo!! Cuocete nel ripiano inferiore a 160° per 50 minuti e poi  a 175° per 10minuti. Fate sempre la prova stecchino.

Terminata la cottura prendete lo stampo e lo capovolgete  a testa in giù e lasciatelo rafreddare in questo modo, se usate una normale cambelliera posizionatela a testa in giù sul collo di una bottiglia di vetro. Si fa rafreddare in questo modo per ottenere un interno  morbido e umido.

Dopo  il raffreddamento toglietelo da testa in giu’ e con una spatola staccatelo dalle pareti,
capovolgetelo  verrà via.

Ecco la chiffon è pronta!! Si può farcire come una torta ma anche mangiata cosi è ottima!

Ciao,
Terry

Patè di pomodori secchi

 Ottimo spalmato sul pane, sulle bruschette calde, con i grissini, ed anche come condimento per la pasta!

Per il  patè di pomodori secchi:

200 gr di Pomodori essiccati al sole
Foglie di basilico
1 Cucchiaio di capperi sotto sale
200 ml di Olio EVO
Qualche cucchiaio di aceto di vino bianco

Mettete in ammollo i pomodori secchi con 3/4 di acqua e 1/4 di aceto per 3 ore, cambiano l’acqua almeno 2 volte.
Lavate i capperi in modo da togliere il sale in eccesso.
Frullate tutto insieme aggiungendo  l’olio evo.
Versare il patè ottenuto in un barattolo e coprirte con l’olio evo.

Ciao
Terry

Sfineg tal-Bakkaljaw, ovvero il Baccalà alla Maltese solo per l’MTC

Il baccalà è un tipo di pesce che mi piace,  purtroppo non lo cucino quasi mai, visto che nella mia famiglia piace soltanto a me.. 
Ormai si sa, da quando ho iniziato il gioco di MenuTuristico ogni mese c’è una sfida alla quale partecipo con tanto piacere ed entusiasmo, rimanendo sempre più che mai a bocca aperta vedendo tutte le altre presentazioni in gioco.

Questo mese la scelta di  Cristina è stata il Baccalà alla Livornese.   Il baccalà fatto in questo modo non l’ho mai mangiato, ma sono sicura che qualche giorno lo farò…. allora mi direte perchè non farlo ora?? e vi dico subito il perchè….

Non lo faccio ora perchè per questa sfida vi vorrei properre il baccalà secondo una delle tradizioni Maltese.

Allora il baccala’ a Malta si mangia in tanti modi…..
stufato con le patate,
scaldato e salato con tanto di pane ed olive ed altre cose salate

Ma la ricetta veramente tradizionale, e poi e’ quella che piace tanto a me e’… il baccalà fritto avvolto in una  pastella morbida, (per questo devo ringraziare la mia mammina che mi ha procurato la ricetta).

Mi ricordo che quando ero piccola, nei giorni di quaresima, il Venerdi, io e la nonna aspettavamo sotto casa alle ore 17 che passava Gianni, un signore su ad un asino che trascina un carrettino dove friggeva queste cose e li vendeva caldi caldi a chi lo fermava.
Quindi ecco la ricetta con la quale partecipo al MTC di Novembre :

500g di Baccalà  già ammollato

Scaldate il baccalà per circa 10minuti, fate rafreddare e tagliate a strisce.

Per la pastella:
500g farina 00,
350g latte,
20g lievito di birra, ( nella ricetta andava il baking powder)
500g di strutto  (per friggere)
sale e pepe.

Prendete il latte e fate intiepidire, dopo sciogliete  dentro il lievito. In una ciotola, se possibile di ceramica, versate la farina e aggiungete il latte. Con le fruste lavorate l’impasto affinche non è tutto ben amalgamato, aggiungete un pizzico di sale e lavorate ancora per 10 minuti pieni. Lasciate la pasta a lievitare per 1 ora. Passato questo tempo sgonfiate l’impasto lavorandolo pochissimo.

 Ora passiamo alla preparazione delle “sfineg” ovvero il baccalà ricoperto nella pastella.

Prima cosa, mani unte di strutto. Poi prendete un pezzo  d’impasto  e  aprirlo sul palmo della mano, appoggiate sopra un pezzetto di baccalà e chiudete bene senza lasciare aperture se no durante la cottura si apre.
Nel frattempo fate sciogliere in una pentola lo strutto e manmano che si preparano si devono friggere. Attenzione friggete a fuoco basso se no si rischia che la pastella al interno rimane cruda.

Anche secondo Cristina oltre al baccalà, un altro ingrediente d’obbligo doveva essere il pomodoro, quindi, io,  per accompagnare questi “sfineg” ho preparato un patè di pomodori secchi.

Per il  patè di pomodori secchi:

200 gr di Pomodori essiccati al sole
Foglie di basilico
1 Cucchiaio di capperi sotto sale
200 ml di Olio EVO
Qualche cucchiaio di aceto di vino bianco

Mettete in ammollo i pomodori secchi con 3/4 di acqua e 1/4 di aceto per 3 ore, cambiano l’acqua almeno 2 volte. Lavate i capperi in modo da togliere il sale in eccesso.
Frullate tutto insieme aggiungendo  l’olio evo.
Versare il patè ottenuto in un barattolo e coprirte con l’olio evo.

Buona Domenica

Terry

Fagioli in agrodolce

Una portata semplice e facile da preparare in pochi minuti…. va bene sia come antipasto, che come contorno, e perchè no anche un fingerfood diverso dal solito.

1 Barattolo di Fagioli bianchi di spagna
Cipolletta fresca
Olio EVO
1 Bicchiere di aceto
2 Cucchiai di zucchero

In una padella mettere  l’olio evo e fare ammorbidire la cipolletta, aggiungere i fagioli scolati e cucinare per non più di 2 minuti. Praticamente i fagioli si devono solo riscaldare. A questo punto unire l’aceto e lo zucchero u continuare la cotture per altri 2-3 minuti.

Sono buono caldi, possono essere serviti anche tiepidi, ma freddi sono ottimi lo stesso. Si possono

conservare anche in frigo per una settimana.

Bye Bye
Terry

Pasta saporita con i segali

Ecco a voi il mio pranzo di qualche giorno fà,

50g di Casarecce – Il formato della pasta varia a  vostro piacere
1 mazzetto di segali
1 spicchio d’aglio
50gr di olive nere
50gr di pancetta ( io non ne avevo, devo dire che è veuta buona lo stesso, ma con la pancetta è più saporita)
50gr di auricchio piccante
Olio extravergine d’oliva
4 cucchiai di salsa di pomodoro
Sale e pepe

Lavate e pulite per bene la verdura. Scaldate i segali in acqua leggermente salata. Una volta cotti scolateli ma non buttate via  l’acqua di cottura, perchè nello stesso brodo andremo a cucinare la nostra pasta.

In un tegame versate un filo d’olio evo e rosolate lo spicchio d’aglio, appena dorato aggiungete la pancetta e le olive nere. Appena la pancetta diventa morbida aggiungete i segali  e fate rosolare. A questo punto unite la salsa e se necessario allungate con qualche cucchiaio di brodo di cottura. Salate e pepate a vostro piacere.

Scolate la pasta al dente, e versate nello stesso tegame dove ci sono i segali. Aggiungere il formaggio tagliato a cubbetti piccoli e fate sciogliere.

A questo punto vi possi dire soltanto…… BuonAppetito!!!

Torta Incredibile al limone e cocco

E anche questo mese partecipo The Recpie-tionist di Novembre della mia amica Flavia.

La scelta non è stata semplice per me, visto che a casa mia, anzi mio marito, mangia cose semplici e poco elaborate senza ingredienti strani (come definiti da lui!) ….. e poi  scegliere una ricetta dal ricettario di MenuTuristico per me è stato un onore …

Alla fine la mia scelta è caduta su questo dolce……

180 gr zucchero 

300 ml di panna fresca
150 ml di latte
125 gr burro
90 gr farina di cocco
80 gr farina 00
4 uova
1 limone non trattato
1 cucchiaino di lievito per dolci
zucchero a velo

Procedimento:
Con le fruste elettriche montare le uova intere insieme allo zucchero, sempre con le fruste a bassa velocita aggiungere la farina e il lievito setacciati, e continuare a lavorare fino a quando il composto è ben amalgamato.
Sempre con le fruste a bassa velocita aggiungere  la farina di cocco, il burro fuso tiepido, il latte, la panna, il succo e la scorza del limone.
Rivestire di carta  forno bagnata e strizzata  una tortiera rettangolare (secondo la ricetta 24×18), io ho usato una delle misure 25×20 ,
Versare il composto e far cuocere a 180 gradi per 35 minuti, fate la prova stecchino e se esce umido significa che il dolce è cotto quindi potete sfornarre subito, se con lo stecchino vengono fuori dei grumi d’impasto coprite con un foglio di carta alluminio cosi la superfice rimane chiara, e cucinare per altri 10-15 minuti circa. 
Una volta cotta, lasciate raffreddare circa 30minuti nello stampo di cottura, poi capovolgere su una gratella togliere la carta forno e lasciare fino al completo rafreddamento. Una volta freddo tagliare a quadrati e spolverare con dello zucchero a velo.

A Presto
Terry

La caponata

Un ottimo contorno, ideale come antipasto……

1 Melanzana
1 Peperone Verde
1 Peperone Rosso
1 Cipolla di Calabria
Sedano
100g di olive bianche
100g di olive nere
Salsa di pomodoro
Olio di oliva
1 Bicchiere di Aceto
2 Cucchiai di Zucchero
Sale e pepe

Procedimento:

Tagliare  le melanzane a cubetti e metterli a bagno con acqua e sale per un’oretta. Prendete le melanzane, scolate ed asciugate bene tutta l’acqua e friggerle. Mettete da parte. Lavate e pulite i peperoni, tagliate a strisce e friggete nella stessa padella dove avetefritto le melanzane. Mettete anche questi peperoni da parte.
Sempre nella stessa padella soffriggere la cipolla affettata, non appena sarà imbiondita aggiungere il sedano  a tocchetti, le olive snocciolate e la salsa di pomodoro. Aggiustare di sale e pepe e far cuocere. A cottura quasi ultimata unire alla salsa le melanzane e i peperoni, e  fate insaporire per qualche minuto.
Nel frattempo sciogliere nell’aceto lo zucchero quindi versarlo nella salsa con le melanzane. Fare sfumare bene l’aceto.

È un piatto che si apprezza meglio se consumato freddo.

Et’ voila….. il piatto è servito!!

Danubio Salato

Una cosa deliziosa mangiata insieme a delle amiche squisite!!

 Ingredienti: 
250g di farina Manitoba MolinoChiavazza
300g di farina 00 MolinoChiavazza
100g di burro
250ml di latte
1 uovo intero e 2 tuorli
8 g di sale
25 g di lievito di birra(1 cubetto)
1 cucchiaino di zucchero.


Per la farcia:

Salsiccia
Scamorza affumicataVALLE FELICE

Mettere in un ciotolino il lievito di birra sbriciolato e aggiungere un cucchiaino di zucchero. Nel frattempo intiepidire il latte e versarlo nell’impastatice, aggiungere la farina, le uova e il burro ammorbidito. Far impastare per un paio di minuti. prendere il ciotolino del lievito e girarlo finché non diventa liquido (basteranno pochi secondi e lo zucchero renderà liquido il lievito). Aggiungere il lievito all’impasto e far lavorare la macchina per 10 minuti buoni. Poi aggiungere il sale e far lavorare altri 10 minuti l’impasto. Il risultato deve essere una pasta bella liscia. Mettere l’impasto in una ciotola coperto con un panno bagnato e lasciar lievitare finché non aumenta di tre volte di volume. 
Prendere l’impasto e dividerlo in palline, stendere l’impasto (anche usando un mattarello) e farcir lo.

Mettere in uno stampo lasciando un po’ di spazio tra le palline……..

 

Lasciare lievitare ancora per qualche ora o finchè le palline non sarrano unite…………
spennellare con uovosbattuto e latte ed infornare a 180° per 25 minuti circa.

 Vi assicuro un risultato soffice e godurioso!!

Baci 
Terry